accedi | registrati | 13-7-2020

Presidi medici e aiuti alimentari sono stati donati nei giorni scorsi dalle due associazioni per dare un aiuto concreto

Istituto nazionale azzurro e Vespa club solidali con Motta S. G.

di Redazione Web 26/05/2020

«Quando l’emergenza sarà finita, quando tutta questa situazione apparirà quasi surreale, proprio allora bisognerà ricordare i piccoli gesti di solidarietà, le dimostrazioni di sensibilità, di vicinanza a quanti sono stati impegnati in prima linea e alle famiglie in difficoltà».

È quanto dichiara il sindaco Giovanni Verduci dopo aver incontrato, insieme al vicesindaco Rocco Campolo, i delegati dell’Istituto Nazionale Azzurro e dell’associazione Vespa Club di Motta San Giovanni che hanno donato al Comune presidi medici e pacchi alimentari.

«Con Lorenzo Festicini e Antonello Faraone, rispettivamente presidente nazionale e responsabile medico dell’Istituto Azzurro – continua il sindaco - manteniamo importanti relazioni istituzionali perché condividiamo finalità culturali, di studio e di solidarietà. Sono stati già nostri ospiti e in quella occasione hanno potuto conoscere l’esperienza dei nostri minatori e le testimonianze storiche custodite presso il Museo Archeologico Antiquarium Leucopetra di Lazzaro. Con loro, grazie anche alla presenza del presidente della Fondazione Internazionale Papa Clemente XI Albani, Zef Bushati, abbiamo aderito ad un protocollo internazionale per scambi culturali con l’Albania. Adesso, in questa situazione di emergenza, l’Istituto Azzurro ha gentilmente donato alla nostra polizia municipale delle visiere protettive che garantiranno agli operatori una maggiore sicurezza».

«Grazie all’impegno dell’assessore Domenico Infortuna – aggiunge il primo cittadino - con Marco Quattrone, presidente del Vespa Club di Motta San Giovanni, e con tutti gli appassionati delle due ruote, portiamo avanti progetti di promozione del territorio e rispetto dell’ambiente. In ogni loro attività ci coinvolgono e noi siamo sinceramente contenti di sostenerli. In questo caso hanno dimostrato una sensibilità non comune, andando ben oltre il loro impegno quotidiano, si sono autotassati e con i fondi raccolti hanno preparato dei pacchi alimentari che abbiamo poi distribuito alle famiglie più bisognose».

«Sono piccoli gesti di amore per il prossimo – conclude il sindaco Verduci – che consentono di raggiungere importanti risultati, di offrire sollievo a chi è in difficoltà e conforto a chi combatte questa battaglia contro il Coronavirus».

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative