accedi | registrati | 2-7-2020

La novità. Il manifesto etico dell’educazione «en plein air» firmato da 12 realtà non-profit

Ri-generare la comunità: ecco l’idea del comitato Sos Vita

di Redazione Web 07/06/2020

di Angela Latella * - Su internet, ospiti del dibattito organizzato da Stanza 101, si è dato il via alle idee programmatiche del neo costituto Comitato Sos Vita, organismo spontaneo che raggruppa diverse realtà sociali orientate alla promozione del lavoro in rete di solidarietà e di servizio.

Il Comitato Sos Vita è composto da ben 12 organizzazioni che operano in ambito socio–educativo e che hanno scelto un percorso per valorizzare le proprie esperienze e dare forza ad una progettualità condivisa. Questa nuova creatura, l’acronimo ne richiama il senso “Sostegno Organizzazioni Sociali”, nasce da incontri di valore, elementi invisibili ma che hanno caratterizzato per anni il mondo del volontariato e del lavoro sociale. Evelita onlus ha promosso il comitato testimoniando un vissuto esperienze, fiducia e identità di passione solidale da mettere in rete ed al servizio in tempo di emergenza da Covid 19. Questo patrimonio umano si è connesso per cercare di creare una integrazione in grado di collaborare e sostenersi anche per affrontare una situazione di eccezionalità che deve unire in uno sforzo corale tutte le migliori risorse per generare una fase di rilancio dopo un piccolo “reset” da cui trarre insegnamento per migliorare sistemi e relazioni.

Meno sguardi ai trascorsi, se non per conservare le identità e le ottime eprienze, e grande slancio al futuro che non può essere intaccato da tre mesi di paura e di pausa forzata. I punti focali di questa fase post–Coronavirus, sono naturalmente quelli rivolti alla definizione di un ambito operativo che consenta una “ripresa” delle attività in sicurezza sanitaria ma in grado di generare quelle azioni di animazione educativa adeguate ai bisogni dei minori. Si è discusso del valore della scuola che, dopo la Famiglia, è il luogo, per eccellenza, dove i minori ed i giovani, tra aule e luoghi all’aperto, vivono i momenti fondamentali della relazione comunitaria, di educazione al rispetto dell’altro e di apprendimento, non soltanto un aspetto nozionistico, ma culturale e di approccio alla vita. Nel tempo della minaccia virale, purtroppo, si è cercato di supplire alla mancanza di questa dimensione attivando piattaforme digitali quale sistema alternativo ma limitato che non deve divenire un modello scolastico del futuro. Ma lo sforzo precipuo è rivolto alla valorizzazione di un processo organizzativo e metodologico territoriale, utile anche per gli enti pubblici, dove le organizzazioni sociali vanno sostenute e diventano parte di una progettazione che «ri – generi» le comunità.

È emersa una forte motivazione, legata alla voglia di lavorare per lo sviluppo dei capitali di cui il mondo degli organismi sociali sui nutre, generando negli spazi del volontariato identità sempre più caratterizzate da modelli organizzativi umani e relazionali. Il Comitato ha sostenuto la valenza dell’educazione all’aperto, la decantata «outdoor education», quale strategia educativa del momento che si presenta come azione necessaria in questa fase ed in grado di garantire una gestione del tempo libero basata sulla pedagogia attiva e sull’apprendimento esperienziale che praticabile, a favore dei minori, in spazi aperti e nelle strutture associative garantendo sicurezza. Il Comitato Sos Vita c’è, ed accetta la sfida del post– Coronavirus.

* Evelita Onlus

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative