accedi | registrati | 5-8-2020

La celebrazione domani alle 11 nella Cappella di Casa Santa Marta, trasmessa in diretta televisiva e in streaming

La messa del Papa per l'anniversario del viaggio a Lampedusa

di Redazione Web 07/07/2020

Un ricordo ancora indelebile, quello della visita di papa Francesco a Lampedusa nel 2013: una terra di vittime e sopravvissuti, da dove transitano migliaia di migranti. Un tributo che il Pontefice celebra quest’anno con la messa di domani, alle 11, nella Cappella di Casa Santa Marta. Lui che in quel territorio così straziato da sofferenze parlò davanti a 10mila persone di «immigrati morti in mare, da quelle barche che invece di essere una via di speranza sono state una via di morte». Dal palco costruito anche con i relitti delle barche naufragate alla Cappella romana, con un’incessante desiderio di non scordare e di non rimanere indifferenti in un mondo globalizzato.
Il direttore della sala stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, rende noto l’appuntamento di domani, specificando che «vista la situazione sanitaria alla messa parteciperà solo il personale della Sezione Migranti e rifugiati del Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale”. La celebrazione eucaristica sarà trasmessa in diretta televisiva da Vatican Media e in streaming sul sito di Vatican News.

Partecipa alla discussione

Esegui il login

Articoli Correlati

La guarigione al centro dell'udienza di oggi di papa Francesco

05/08/2020 - Il Papa ha fatto un appello affinché il Libano «possa affrontare questo momento così tragico e doloroso e con l'aiuto della comunità internazionale possa superare la grave crisi che sta attraversando» prima dei saluti ai fedeli di lingua italiana collegati in streaming. «Ieri, a Beirut, una terribile esplosione ha causato decine di morti e migliaia di feriti e ha provocato morte e distruzione», le parole di Francesco: «Preghiamo per le vittime e i loro familiari, e per il Libano»

Papa scrive ai giovani a Medjugorje: no cultura del provvisorio

03/08/2020 - Papa Francesco ha inviato a sorpresa, per la prima volta, un messaggio ai giovani che partecipano alla trentesima edizione del Festival di Medjugorje. La chiesa della piccola località dei Balcani, nota per le presunte apparizioni mariane cominciate il 24 giugno 1981, non ha finora un titolo di santuario mariano. Nella sua missiva il Pontefice ha chiesto ai ragazzi di «scoprire un altro modo di vivere» e dire no alla «cultura del provvisorio»

Papa Francesco: don Fabio Salerno nuovo segretario personale

01/08/2020 - Ha conseguito il Dottorato in Utroque Iure, presso la Pontificia Università Lateranense a Roma. Dopo essere stato alunno della Pontificia Accademia Ecclesiastica, ha prestato servizio come segretario della Nunziatura Apostolica in Indonesia e della Missione Permanente della Santa Sede presso il Consiglio d'Europa a Strasburgo, lavorando successivamente presso la Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato. Don Salerno affiancherà il sacerdote uruguayano Gonzalo Aemilius

Tag

Papa Francesco Lampedusa Immigrati
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative