accedi | registrati | 6-8-2020

La manifestazione programmata dal circolo di Reggio Calabria ProVita&Famiglia per sabato 11 luglio

RestiamoLiberi a piazza Italia contro il ddl Zan-Scalfarotto

di Redazione Web 10/07/2020

Sabato 11 luglio a Reggio Calabria, dalle ore 18.30 in piazza Italia, si terrà il flashmod #RestiamoLiberi per manifestare contrarietà al progetto di legge “Zan-Scalfarotto” «che minaccia seriamente il diritto alla libertà di espressione di tutti».
In questo fine settimana, da Nord a Sud un popolo si alzerà in piedi per dire “No” al liberticida ddl Zan sull’omofobia, ora in discussione in Parlamento. Da Milano a Bari passando per Roma, Napoli e Firenze fino alla nostra Reggio Calabria, cento città diranno «no ad una legge bavaglio che punisce le opinioni. Il nostro è un “No” -  come si legge sulla nota stampa del circolo di Reggio Calabria ProVita&Famiglia - all’istituzione di un nuovo reato, quello di omofobia, che non viene definito dal legislatore, lasciando così enormi spazi a interpretazioni e derive liberticide che colpiranno tutti coloro che si esprimeranno pubblicamente in modo non allineato al mainstream.  In caso di approvazione del testo, sarà possibile per un genitore chiedere che il figlio non partecipi ad attività scolastiche inerenti temi sensibili sulla sessualità se questi sono improntati all’ideologia gender? Sarà ancora possibile per un sacerdote cattolico o per un pastore evangelico insegnare la visione cristiana del matrimonio? Sarà possibile dire pubblicamente che la pratica dell’utero in affitto è una barbarie o dirsi contrari alla legge sulle unioni civili? Per tutte queste domande, il ddl sull’omofobia ha una sola risposta: NO, perciò in galera! Le nostre preoccupazioni sono confermate - si aggiunge - solo per fare un esempio, dalle recenti dichiarazioni della senatrice grillina Alessandra Maiorino (una delle proponenti dei progetti di legge in questione) la quale si è rammaricata del fatto che non ci sia il reato di "propaganda di idee" nel progetto di legge. Tuttavia, ha subito aggiunto che “Avendo inserito il reato di incitamento all'odio, lì prendiamo tutto”. La gravità di queste parole non è stata sottolineata da nessuno ma racconta meglio delle nostre parole quanto il pericolo di una deriva totalitaria e dittatoriale sottesa a questo progetto di legge. Ecco perché scendiamo in piazza: per la libertà di espressione, per la libertà di educazione, per la libertà di stampa, per la libertà di associazione, per la libertà religiosa. Scenderemo in piazza in silenzio - si conclude - nel rispetto delle norme di sicurezza per l’emergenza Covid-19, e con un bavaglio sulla bocca a simboleggiare la portata liberticida di questo progetto di legge e la sua volontà di zittire ogni dissenso».

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative