accedi | registrati | 24-9-2020

Duecentotrentanove colpi di gong a scandire, ognuno, i nomi delle vittime, in un silenzio assordante fino ad arrivare a quelle fatidiche 3.36, l’ora del sisma

Terremoto: una veglia ad Amatrice. Il messaggio di Mattarella

di Redazione Web 24/08/2020

«Nella triste ricorrenza del quarto anno dal gravissimo terremoto che provocò nell’Italia Centrale più di trecento vittime e oltre quarantamila sfollati, desidero ancora una volta esprimere ai cittadini di Amatrice, Accumuli, Arquata, Pescara del Tronto e delle altre zone colpite, vicinanza e solidarietà. Il pensiero che si rinnova va, anzitutto, alle vittime e ai loro familiari. E ai tanti che hanno perduto casa o lavoro - e spesso entrambi - in quella notte drammatica». Lo ha dichiarato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del quarto anniversario del terremoto che il 24 agosto 2016 fece tremare il Centro Italia, causando morte e distruzione.

«Nonostante tanti sforzi impegnativi, l’opera di ricostruzione dei paesi distrutti - da quel sisma e da quelli che vi hanno fatto seguito in breve tempo - è incompiuta e procede con fatica, tra molte difficoltà anche di natura burocratica», osserva il Capo dello Stato. «Nello spirito di solidarietà, fondamento della nostra Costituzione, la Repubblica - in tutte le sue istituzioni, territoriali e di settore - deve considerare prioritaria la sorte dei concittadini più sfortunati colpiti da calamità naturali, recuperando, a tutti i livelli, determinazione ed efficienza».

Duecentotrentanove colpi di gong a scandire, ognuno, i nomi delle vittime, in un silenzio assordante fino ad arrivare a quelle fatidiche 3.36, l’ora del sisma del 24 agosto 2016. E poi dei versi, “Amatrice non molla, vuole ancora volare”. È cominciata così, nel campo di calcio di Amatrice, la veglia di preghiera in ricordo delle vittime del terremoto e terminata con la deposizione di lumini al memoriale nel parco don Minozzi. «Continuare a condividere i pesi gli uni degli altri» è stata la preghiera del vescovo Pompili che ha esortato a non perdere la speranza anche quando «sembrerebbe che la cosa migliore sarebbe quella di andare altrove».

Un invito a scommettere sul futuro ma con l’atteggiamento di chi «vuole fare qualcosa prima per gli altri e poi per se stessi». Che è l’atteggiamento testimoniato in questi anni da tanti parenti delle vittime, «che sono orfani di una presenza che li ha impoveriti in modo irreversibile», e tuttavia «sono capaci di andare avanti nella vita di ogni giorno dando addirittura la precedenza ad altri». «Questa grandezza d’animo – ha sottolineato mons Pompili le cui parole sono riportate dal sito diocesano andareoltre.org – è il segno di una speranza che non muore», e aiuta a capire le parole di Gesù quando annuncia la beatitudine di chi piange e di chi ha fame e sete, mentre mette in guardia i ricchi e i sazi. «Non si tratta di un augurio per alcuni o di una maledizione per altri. Ma dell’assicurazione che anche la condizione ad oggi più compromessa può essere aperta al futuro. Mentre quella più garantita può essere esposta al fallimento. Soltanto condividendo quello che si è e si ha sarà possibile capovolgere la realtà».

Agensir

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative