accedi | registrati | 28-9-2020

Si tratta di una campagna di ''screening preventivo'' voluta dal ministero della Salute e che è partito dal 24 agosto scorso e proseguirà fino a settembre

Calabria, proseguono i test sierologici sul personale scolastico

di Redazione Web 27/08/2020

Catanzaro. Proseguono anche in Calabria i test sierologici sul personale – docente e non docente – di tutte le scuole. Un test, ricordiamo, gratuito e su base volontaria. Si tratta di una campagna di “screening preventivo” voluta dal ministero della Salute e che è partito dal 24 agosto scorso e proseguirà fino a settembre. Ma per chi entrerà in servizio successivamente, ad anno scolastico iniziato, i test potranno essere eseguiti prima dell’entrata in servizio. La partecipazione sarà organizzata in due fasi: la prima prevede la somministrazione su richiesta del test sierologico a tutto il personale che intende aderire; la seconda, una successiva somministrazione obbligatoria del test molecolare a coloro i quali, avendo aderito alla somministrazione del test sierologico, risultassero positivi allo stesso. Tale test viene eseguito al fine di escludere un’infezione in atto.

Intanto arrivano i primi risultati dei test già effettuati in Calabria. A comunicarli la Federazione italiana medici di medicina generale di Catanzaro. «Nella giornata di avvio – scrive in una nota il segretario generale della Fimmg Catanzaro, Gennaro De Nardo – sono stati effettuati i primi 10 test sierologici, risultati negativi, al personale scolastico. Ciò che emerge è la grande partecipazione, motivazione e disponibilità del personale, docente e Ata, che si è sottoposto volontariamente al test». «Si ricorda, infatti, che dal 24 agosto e fino al 6 settembre, a seguito della Circolare del Ministero della Salute dello scorso 7 agosto – spiega De Nardo – sono in corso di svolgimento i test sierologici per Covid-19 al personale scolastico presso gli studi dei medici di medicina generale». «I test – aggiunge De Nardo – sono stati inviati dalla Unità complesse di cure primarie (Uccp) di Catanzaro Nord alla Piattaforma Nazionale Tessera Sanitaria e quella di Catanzaro è la prima provincia calabrese che ha effettuato tali adempimenti».

«È opportuno ribadire – precisa il segretario generale della Fimmg Catanzaro – che il medico che effettuerà il test sierologico avrà cura di registrare il risultato in apposito software che sarà messo a disposizione da Sogei. Per i test che risulteranno positivi, il medico di medicina generale dovrà darne tempestiva comunicazione al Dipartimento prevenzione dell’Asp che provvederà ad effettuare il tampone prendendo in carico il paziente».

«Tutti i medici di medicina generale – precisa De Nardo – stanno provvedendo a ritirare sia i kit che i dispositivi di protezione individuale (mascherine, camici e guanti) e stanno instaurando una proficua collaborazione allo scopo di superare alcune criticità esistenti. Queste sono legate principalmente al confezionamento dei kit (ogni confezione contiene 25 kit ed un unico contenitore di reattivo). Tali criticità stanno per essere superate grazie ad una stretta collaborazione tra Fimmg, direttori dei distretti e responsabile del dipartimento cure primarie, a dimostrazione del fatto che la collaborazione tra i diversi attori è prioritaria nella tutela della salute pubblica. Inoltre, è di fondamentale importanza sottolineare l’azione di supporto della Fimmg di Catanzaro che, avendo particolarmente a cuore tale iniziativa, ha messo a disposizione gli infermieri professionali che lavorano presso le Unità complesse di cure primarie».

«I medici di medicina generale e la Fimmg di Catanzaro – conclude il segretario De Nardo – reputano necessarie sia la riapertura in sicurezza delle scuole, luogo imprescindibile di formazione, socializzazione e cultura, che la tutela della salute pubblica».
 

Reggio Calabria/1. Il Dirigente Scolastico del Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” di Reggio Calabria, prof.ssa Giuseppina Princi, rende noto ai genitori degli alunni iscritti alla prima classe per l’anno scolastico 2020-2021 che nel rispetto del Protocollo Nazionale in materia di contrasto e contenimento del Covid, al fine di impedire occasioni di assembramento e limitatamente al corrente anno scolastico, la composizione delle classi è avvenuta in seno al Consiglio di Istituto all’uopo convocato in data 25/08/20 delibera n. 11/20.
Si evidenzia che sono state accolte tutte le richieste dei genitori per le differenti sperimentazioni, attivando la corrispondente curvatura su un maggior numero di sezioni:

• Liceo Matematico e delle Scienze n. 2 corsi (sezioni A – G –)
• Curvatura Economico–Giuridica n. 2 corsi (sezioni C – D)
• Bilinguismo Inglese–Spagnolo n. 2 corsi (sezioni I – L)
• Corso Ordinamento (n. 6 corsi E-H-M-N-O-P-)
• Corso Scienze Applicate (n. 4 corsi Q-R-S-T-)
• Corsi Cambridge International, (B – F)

Si evidenzia altresì che nel comporre le classi sono stati osservati i seguenti criteri deliberati dal Consiglio di Istituto

− Possibilità data ai richiedenti di seguire il corso frequentato dai fratelli
− Equilibrio nella percentuale maschi/femmine
− Inserimento nel corso fino ad un massimo di 5 compagni coerentemente all’Allegato A sottoscritto dalle famiglie
− Test di inglese per l’inserimento nelle sezioni Cambridge International (B, F), destinati solo a coloro che non possiedono una certificazione Cambridge di livello almeno A2 e  per cui si rimanda ad apposita informativa.

Gli elenchi di tutte le prime classi saranno affissi giorno 27 agosto sulla vetrata della porta di ingresso lato via Aschenez della sede centrale del liceo; saranno visionabili dall’esterno (quindi senza accedere ai locali scolastici) ogni giorno dalle ore 8 alle ore 13.30.

Tutti gli interessati sono tenuti a rispettare il distanziamento sociale e attendere in fila il proprio turno indossando la mascherina; un collaboratore scolastico vigilerà sul rispetto del distanziamento sociale.
Per ulteriori informazioni ed aggiornamenti, consultare il sito http://www.liceovinci.eu oppure la pagina
FB ufficiale della scuola https://www.facebook.com/liceoscientificostataleleonardodavincirc/


Reggio Calabria/2. “È davvero paradossale dover assistere ad uno stucchevole rimpallo di iniziative e responsabilità in merito agli inqualificabili ritardi che l’Amministrazione Comunale accumula giorno dopo giorno nei confronti degli studenti, delle loro famiglie e di tutto il personale docente dei noti plessi scolastici Spanò Bolani e Frangipane, facenti parte dell’Istituto Comprensivo De Amicis Bolani di Reggio. E ciò è ancor più grave se si considera che il prossimo 24 settembre suonerà la campanella di inizio delle lezioni del nuovo anno scolastico senza che il Comune di Reggio abbia ancora offerto una risposta vera, tangibile ed efficace a tutta la popolazione studentesca e al personale docente e amministrativo dell’Istituto richiamato proprio in tempi di covid-19 , secondo le linee guida fissate dal Comitato Tecnico Scientifico che impone il divieto di ogni forma di assembramento nella gestione dei flussi di ingresso e uscita dalle strutture scolastiche”. E’ quanto afferma Pasquale Imbalzano, consigliere comunale di Forza Italia nel civico consesso di Reggio Calabria, pronto nuovamente a raccogliere il grido di allarme che promana dal Consiglio d’Istituto della medesima realtà scolastica.

“Infatti,  nonostante sia stata da noi sollevata interrogazione a risposta scritta su tale questione e benché siano state fornite, rispetto a quest’ultima, dal Sindaco  risposte interlocutorie e generiche avuto riguardo al fatto che lo scorso dicembre 2019 la  Giunta comunale con deliberazione n. 317 ha approvato progettazione esecutiva per la realizzazione delle scale antincendio nei plessi indicati , senza che allo stato attuale  sia stato dato inizio alla cantierizzazione dei medesimi lavori, appare a dir poco imbarazzante voler perseverare in tale ritardo visto che il tempo che ci separa dall’inizio delle lezioni è inferiore ai trenta giorni, mentre i tempi di realizzazione delle stesse infrastrutture, per stessa drammatica ammissione del Sindaco, sono stimati in trenta giorni (sic!)” , aggiunge Pasquale Imbalzano.

“Pertanto vi è motivo di ritenere che l’Amministrazione Comunale o intende maldestramente far bruciare le tappe di realizzazione delle scale antincendio alla ditta che verrà  incaricata a breve nell’esecuzione dei lavori oppure sta clamorosamente mettendo in piedi, quale abile conduttore, il più classico gioco delle tre carte  infischiandosene del destino degli studenti, delle loro famiglie e di tutto il personale docente e amministrativo. Essendo quest’ultimo costretto, tra pochi giorni,  senza novità favorevoli e per esclusiva colpa di questa Amministrazione, nel disporre una prosecuzione della sospensione dell’attività didattica per via del fatto che i medesimi plessi siano dotati di un solo accesso/uscita e le linee guida anticovid fissate dal CTS indichino come necessario la realizzazione di percorsi di ingresso e uscita alternativi e distinti con il rispetto del distanziamento sociale per garantire il diritto alla salute degli studenti”, continua Pasquale Imbalzano.

“Emerge , quindi, in plastica chiarezza come l’improvvisazione e l’indolenza siano state e siano tutt’ora minimo comun denominatore dell’azione amministrativa di questo centrosinistra, e non possiamo che augurarci come il prossimo 20 e 21 settembre i reggini decidano con una scelta consapevole a favore del centrodestra di aprire una pagina nuova di buona amministrazione per Reggio e nel contempo di porre fine  ad una delle pagine più buie della storia politica della Città”, conclude Pasquale Imbalzano.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative