accedi | registrati | 20-9-2020

Ennesimo gesto intimidatorio ai danni dell'edificio di culto

Vetri infranti alla Chiesa greco-ortodossa di Reggio Calabria

di Redazione Web 20/02/2017

«Resistere diventa sempre più difficile». Ha poca voglia di parlare, Daniele Castrizio, Papas della Chiesa Greco Ortodossa di Reggio Calabria. Dopo le conferenza stampa e le denunce pubbliche è il tempo del silenzio.
La Chiesa Greco-Ortodossa è stata destinataria nella giornata di sabato di un atto vandalico: le finestre sono state divelte per via di alcune pietre lanciate verso l'edificio con l'intenzonalità di danneggiarne una parte.
Una strategia già utilizzata nella scorsa primavera: era il 29 marzo 2016 quando le pietre armarono le mani di altri bagoldi che presero di mira la chiesa.
Un gesto che trasmette profonda amarezza nella città di Reggio Calabria che ha nel suo dna l'accoglienza e l'integrazione con tutte le forme di spiritualità, ancor più con quelle che ne tratteggiano una primordiale appartenenza al mondo magno-greco.
Sul caso agiscono gli inquirenti.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative