accedi | registrati | 24-10-2020

La Comunità Papa Giovanni XXII chiede il riconoscimento della lingua dei segni, «che favorirebbe l'inclusione della comunità delle persone sorde»

Giornata Onu lingua dei segni: «L'Italia la riconosca»

di Michela Nicolais 24/09/2020

«L'Italia è rimasta uno dei pochi paesi a non riconoscere la Lingua dei segni, una lingua che favorirebbe l'inclusione della comunità delle persone sorde, oggi una minoranza linguistica e culturale. Pertanto chiediamo il riconoscimento della Lingua italiana dei segni (Lis) — una vera e propria lingua con propria struttura linguistica ed un vocabolario — che è usata da decine di migliaia di persone sorde lungo tutta la penisola».  È quanto dichiara Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, in occasione della Giornata internazionale delle lingue dei segni, che si è tenuta ieri. «Nella Convenzione Onu per le persone con disabilità si invitano tutti gli Stati a promuovere e diffondere la lingua dei segni», conclude Ramonda. «In questo modo si consentirebbe alle persone sorde, in particolare ai bambini, di imparare una lingua con cui comunicare con l’ambiente circostante».

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative