accedi | registrati | 19-10-2020

Quest'anno va ancora peggio: l'unica a salvarsi è la candidato sindaco Marcianò

L'analisi del voto: il fallimento delle «quote rosa»

di Redazione Web 27/09/2020

La doppia preferenza di genere non premia l’ingresso di donne in Consiglio comunale. Sei anni fa ci riuscirono solo Nancy Iachino (Pd) e Mary Caracciolo (Forza Italia), entrambe in questa tornata bocciate dall’elettorato. Nei 23 seggi sicuri attribuiti dopo il primo turno, l’unica donna che entra a Palazzo San Giorgio è Angela Marcianò, candidata sindaco indipendente. Più spazio al secondo turno; se vincesse Falcomatà entrerebbero Lucia Nucera e Irene Calabrò, entrambe assessori esterni uscenti accanto alla novità Deborah Novarro di Italia Viva.
 
Se vincesse Minicuci, invece, entrerebbero Marianna Cilione, Luisa Curatola ed Angela Latella: tutte e tre alla loro prima potenziale esperienza a Palazzo San Giorgio. Restano alla finestra con possibili primi dei non–eletti: Nancy Iachino, Giuggi Palmenta e Lavinia Marino nel centrosinistra; Daniela De Blasio, Margherita Tripodi e Flaviana Scoglio nel centrodestra. In caso di apparentamento, poi, anche la lista di Angela Marcianò bisserebbe la presenza in rosa con Filomena Iatì.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative