accedi | registrati | 21-10-2020

L’impegnativo obiettivo della Fondazione è quello di arrivare a stanziare una somma pari a 5 milioni di euro

Aiuto alla Chiesa che Soffre raccoglierà fondi per il Libano

di Redazione Web 18/10/2020

La Fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) intensifica l’impegno per garantire aiuti ai cristiani libanesi colpiti dalla tremenda esplosione verificatasi a Beirut lo scorso 4 agosto. Al drammatico bilancio di oltre 200 morti, 6.500 feriti e circa 90.000 case danneggiate è necessario aggiungere che la comunità più sofferente è proprio quella cristiana perché residente nei quartieri più vicini al luogo del disastro.

L’impegnativo obiettivo è arrivare a stanziare una somma pari a 5 milioni di euro. Serviranno alla riparazione e alla ricostruzione delle strutture collegate all’attività della Chiesa nell’area direttamente interessata dalla deflagrazione, strutture visitate 20 giorni fa da rappresentanti di ACS e identificate come prioritarie di concerto con la Chiesa locale.

Fra i numerosi progetti che la Fondazione si è impegnata a sostenere vi è la ricostruzione dell’iconica cattedrale maronita di San Giorgio nel centro di Beirut, simbolo rilevante della storica presenza cattolica nella capitale libanese. Il luogo di culto è stato infatti gravemente danneggiato dall’esplosione. ACS sosterrà anche la ricostruzione della chiesa greco-melchita di San Salvatore e di diversi conventi di religiose, compresi quello presente nell’ospedale delle Sorelle del Santo Rosario e la Casa Madre della Congregazione dei Sacri Cuori di Gesù e Maria.
Il dramma libanese tuttavia non inizia il 4 agosto 2020. Anche prima dell’esplosione la situazione era particolarmente preoccupante a causa della crisi sanitaria causata dalla pandemia da Covid-19 e della crisi economica conseguenza del crescente debito pubblico e del crollo della valuta locale, la quale ha perso oltre l’80% del suo precedente valore nei confronti del dollaro.

«I cristiani del Libano attualmente si sentono molto soli e stanno considerando l’emigrazione come soluzione ai loro problemi. Papa Giovanni Paolo II disse che il Libano ha una speciale missione nel Medio Oriente. ACS lo ricorderà sempre. Noi pertanto continueremo a sostenere i cristiani di questa nazione e non li lasceremo soli ad affrontare questa sfida», afferma Thomas Heine-Geldern, presidente esecutivo di ACS Internazionale.

Partecipa alla discussione

Esegui il login

Articoli Correlati

L'impegno della rete Caritas per la popolazione del Libano

10/08/2020 - Caritas Libano grazie all’immediato sostegno della rete Caritas, ha subito attivato un primo piano di intervento della durata di un mese per rispondere a tre bisogni urgenti della popolazione locale: assistenza sanitaria per gli oltre 5.000 feriti (inclusa la salute mentale), fornitura di acqua e alimenti, alloggio per gli oltre 300.000 sfollati. Nello specifico il piano punta a raggiungere più di 84.000 persone con aiuti di vario genere. Il piano punta a raggiungere 84.000 persone

Cei: un milione di euro in soccorso delle popolazioni del Libano

07/08/2020 - La catastrofe colpisce un Paese già piegato da una pesante crisi finanziaria, economica e sociale, acuitasi nell’ultimo anno che ha ridotto in povertà moltissime famiglie con più di un quarto della popolazione che vive con meno di 5 dollari al giorno

Caritas Libano: «Viviamo in un incubo ma non ci arrendiamo»

05/08/2020 - «È una situazione terribile e disastrosa e oggi ci troviamo nella confusione più totale», riferisce a Caritas Internationalis Rita Rhayem, direttore di Caritas Libano, il cui staff si è immediatamente attivato per soccorrere le persone colpite dall'esplosione. La confederazione Caritas sta inoltre lanciando un piano di emergenza coordinato dal segretariato generale di Caritas Internationalis per assistere immediatamente le vittime. «La situazione è critica».

Tag

Libano aiuto alla chiesa che soffre
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative