accedi | registrati | 13-12-2019

Sono 52 gli indagati in diverse regioni d'Italia, ma la base operativa era la Calabria

Inchiesta della Dda sul mercato nero dei rifiuti pericolosi

di Redazione Web 27/02/2017

Ci sarebbe un "mercato nero" di rifiuti speciali con sede in Calabria, ma con articolazioni in altre regioni del Paese. Un'imchiesta, tenuta sotto il massimo riserbo dall'Autorità giudiziaria, ha iscritto nel registro degli indagati ben 52 persone ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di traffico di rifiuti speciale.
Gli uomini della Polfer unitamente al nucleo investigativo del gruppo Carabinieri forestali, su input della Dda di Reggio Calabria, avrebbero individuato in un'azienda, "Ambiente&Servizi srl", il nodo nevralgico per il conferimento e lo smaltimento illecito dei rifiuti.
Un'azione mirata, quella dei militari inquirenti, che ha comportato al sequestro di 40 veicoli, all'interno dei quali sono stati anche munizioni.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative