accedi | registrati | 5-3-2021

"La crisi generata dal Covid – sottolinea la Coldiretti – ha stravolto i programmi di promessi sposi e famiglie e azzoppato i bilanci delle aziende"

Nel 2020 matrimoni dimezzati, crack di 5 miliardi

di Giovanna Pasqualin Traversa 02/02/2021

La cancellazione e il rinvio delle nozze a causa dell’emergenza Covid nel 2020 ha provocato un crack di almeno 5 miliardi di euro, dai fiori alla tavola. È quanto stima Coldiretti in riferimento agli effetti dei "Primi riscontri e riflessioni sul bilancio demografico del 2020” dell’Istat che in via provvisoria per il periodo gennaio-ottobre, segnalano per il 2020 il dimezzamento dei matrimoni in calo del 50,3% a fronte dei 170mila celebrati nei primi dieci mesi del 2019. La crisi generata dal Covid 19 – sottolinea la Coldiretti – ha stravolto i programmi di promessi sposi e famiglie e azzoppato i bilanci delle aziende: dal catering alla fotografia, dai trasporti ai fiori, dai viaggi all’abbigliamento, dal trucco alle acconciature, dall’immobiliare fino alla vigilanza privata. A rischio oltre un milione di lavoratori diretti ed indiretti impegnati nei settori collegati. «Un settore che vede – secondo Coldiretti – l’Italia all’avanguardia a livello internazionale con un elevato numero di stranieri che sceglieva proprio il Belpaese per celebrare l’esclusivo evento» con una spesa media «che oscilla fra i 30 e i 60mila euro» per il pacchetto completo del “giorno più bello”. Proprio per questo – conclude Coldiretti – oltre alle attività specializzate come abiti e accessori, i settori che hanno pagato il prezzo più alto all’emergenza sono quelli dell’agriturismo con le 24mila strutture presenti nel Belpaese ma anche il florovivaismo con 27mila imprese.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2021 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative