accedi | registrati | 28-2-2021

Il sindaco di Reggio Calabria ha commentato l'esito delle consultazioni

Falcomatà contro la crisi: «Spiegatela voi ai cittadini»

di Redazione Web 03/02/2021

Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio Calabria, ha commentato l'esito delle consultazioni e l'incarico che il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito a Mario Draghi per formare un nuovo governo tecnico. Il suo sfogo affidato ad un post Facebook: «Siamo arrivati all’epilogo annunciato di una commedia del teatro dell’assurdo, di una crisi incomprensibile ai più, di certo incomprensibile a chi vive nel mondo reale, gestita male e finita peggio. Spiegatela voi questa crisi alle persone».

Prosegue il primo cittadino della Città dei Bronzi: «Spiegatelo voi a quelle migliaia di persone a cui a marzo scadrà la cassa integrazione e ai lavoratori delle imprese private che rischiano di andare a casa a causa della fine del blocco dei licenziamenti. Spiegatela voi questa crisi nel momento in cui deve andare avanti senza ritardi il piano di vaccinazione in tutto il paese. Spiegatela voi questa crisi nelle settimane in cui si deve lavorare sodo per portare avanti le idee e i progetti che trasformeranno le nostre città e i nostri territori grazie alle risorse del Recovery Plan e che l’Europa aspetta entro la fine di aprile».

E ancora: «Spiegatelo voi a quelle persone a cui a giugno verrà notificato lo sfratto da casa perché scade il blocco imposto dal Governo a causa del Covid. Spiegatelo voi che un momento di grande difficoltà ma anche di ricostruzione, di ripartenza, di rinascita, di fiducia e di speranza sarà gestito dai “tecnici”. Spiegatelo voi perché noi sindaci non lo sapremo fare. Spiegatelo voi perché noi siamo i primi a non capirlo e tuttavia è a noi che si chiedono risposte. Quei cittadini a cui per legge siamo costretti a mandare il saldo tari nonostante le difficoltà note sui rifiuti, quei cittadini che da quasi un anno subiscono gli effetti delle chiusure di scuole, bar, ristoranti, teatri, luoghi di cultura, imprese chiedono conto a noi sindaci non ai partiti o alla politica romana. E questo avviene per un motivo molto semplice: perché i partiti creano una spaccatura profonda con il paese reale, con la vita delle persone. E i partiti hanno dimostrato ancora una volta di essere in preda ad una crisi strutturale senza vie di scampo, una crisi irreversibile che porta ogni giorno di più i cittadini a perderne la fiducia».
 
«In questa folle giostra non ci sono vincitori ma soltanto vinti - conclude Falcomatà - È la politica ad avere perso, è la politica ad essersi manifestata in tutta la sua debolezza e inconsistenza. Spiegatelo voi, senza usare le parole dei “tecnici”».

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2021 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative