accedi | registrati | 25-2-2021

Un confronto che è servito per fare il punto sulle problematiche (accreditamento- sblocco dei ricoveri) che da tempo attanagliano i servizi psichiatrici del territorio

Incontro Comune-Coolap: «Riconoscere il nostro impegno sociale»

di Redazione Web 16/02/2021

Il Coolap, nelle figure di Vincenzo Barbaro, Filippo Lucisano e Foti Giuseppe, ha incontrato nella giornata di ieri il Sindaco Giuseppe Falcomatà e l’assessore alle politiche sociali Demetrio Delfino.
L’incontro è servito per fare il punto sulle problematiche (accreditamento- sblocco dei ricoveri) che da tempo attanagliano i servizi psichiatrici della nostra città che, con il tempo che passa inesorabilmente, mettono a rischio la sopravvivenza degli stessi.
«Abbiamo ribadito che molti lavoratori, da più di trent’anni e con spirito di sacrificio, tengono da tempo attivi i servizi dando sostegno a molti utenti, senza mai fargli mancare il diritto alle cure. Gli operatori e le rispettive famiglie, cosa altrettanto deprecabile, rischiano continuamente il tracollo economico, fatecelo dire, per futili motivi burocratici e per essere considerati gli ultimi della sanità. Noi più che mai vogliamo riconosciuto il nostro impegno socialeIn un momento socio-sanitario globale drammatico come quello contingente, bisogna necessariamente operare per il bene comune, portando avanti proposte concrete, facendo di tutto purché ciò avvenga il prima possibile.  La psichiatria calabrese, prima vittima della sanità corrotta, non può mancare nel suo mandato umano per problemi risolvibili.
Per tali motivi - si aggiunge - vogliamo ringraziare il Sig. Sindaco Giuseppe Falcomatà e l’assessore alle politiche sociali Demetrio Delfino che, con disponibilità e con grande umanità e senso istituzionale, hanno accolto le nostre istanze dandoci il loro sostegno nelle sedi opportune. Vogliamo, altresì, ringraziare il vice Sindaco Tonino Perna che qualche giorno prima ci ha ricevuti ed ascoltati, rendendosi da subito disponibile per darci un sostanziale aiuto. Oggi per noi è un giorno importante perché, per la prima volta, delle figure istituzionali si mettono umanamente, pubblicamente e concretamente al nostro fianco, riconoscendo il nostro ruolo e la necessita incombente di poterlo svolgere al meglio e senza la paura della precarietà. La prima necessità, di vitale importanza, è che venga al più presto fatta la proroga dei servizi, utile al pagamento e alla sopravvivenza degli stessiConcludiamo affermando con estrema convinzione “che la civiltà di uno stato si misura dal trattamento che questo Stato riserva alle fasce cosiddette deboli”».

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2021 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative