accedi | registrati | 17-4-2021

L’allarme lanciato dall'Osservatorio per il Disagio Abitativo in riferimento ai problemi di edilizia popolare e di politiche abitative nel comune

Reggio, disagio abitativo: richiesto incontro istituzionale

di Redazione Web 31/03/2021

L’Osservatorio per il Disagio Abitativo ha chiesto al Sindaco e alla Giunta di Reggio Calabria un incontro sui problemi di Edilizia Popolare e di Politiche abitative nel Comune di Reggio Calabria.
Le organizzazioni riunite nell’Osservatorio per il Disagio Abitativo hanno chiesto al Sindaco Falcomatà, all’Assessore alle Politiche Abitative, Albanese, e a tutta la Giunta comunale, poiché vari assessorati a diverso titolo sono coinvolti, un incontro sui problemi legati al «disagio abitativo e della precarietà e carenza delle risorse disponibili per l’edilizia sociale e popolare, un’ emergenza gravissima, ormai divenuta purtroppo endemica nella nostra città».
«E’ inaccettabile- scrivono i componenti dell’Osservatorio- e nel contempo paradossale che gravi problemi di disagio abitativo , datati di decenni, permangano nella città di Reggio Calabria, considerata la "capolista" italiana (ed europea) nel rapporto "abitazioni vuote o inutilizzate/abitanti". I dati forniti dall’Istat dichiarano infatti oltre 62000 case o appartamenti annoverabili tra le categorie suddette del mercato privato. A questi dati si deve aggiungere che con un patrimonio Erp di circa 7000 alloggi popolari, l’applicazione del turn-over di legge consentirebbe al Comune di ottenere dal 10 al 15% di alloggi da riassegnare agli aventi diritto».
Ancora l’Osservatorio sottolinea che: «Tale situazione non solo costituisce un danno che non dovrebbe esistere per i cittadini che soffrono disagi da mancanza o precarietà di abitazioni, ma rappresenta uno sfascio sociale e ambientale gravissimo per la città e i suoi abitanti ,oltre che uno spreco , per la mancata fruizione di un patrimonio che potrebbe costituire,tra l’altro, uno dei caposaldi di azioni di riqualificazione urbanistica e di sviluppo locale sostenibile».
La lettera con richiesta d’incontro così prosegue: «Più volte, nel recente passato, le organizzazioni dell’Osservatorio – e prima della sua costituzione le associazioni già attive sulla questione casa - hanno sottolineato i gravi problemi che affliggono il settore in note e documenti diffusi e inviati a codesta Amministrazione, indicando anche, laddove possibile, le modalità di avvio di auspicabili inversioni di tendenza verso le loro risoluzioni: dalla verifica dei titoli degli attuali titolari di alloggi di edilizia popolare, alla consistenza delle liste dei richiedenti alloggio, alle operazioni di cambio alloggio, alle manutenzioni, fino all’ampliamento del patrimonio pubblico comunale tramite azioni di acquisizione di nuovi alloggi, con modalità convenzionate, pattuite o agevolate,ecc».
L’istanza si conclude auspicando «un’interazione positiva con codesta Amministrazione», sottolineando la possibilità di «mettere a disposizione di azioni di gestione virtuosa dei problemi le conoscenze accumulate sia nelle esperienze svolte in molti anni di attività sulla questione, sia negli specialismi presenti tra le professionalità annoverabili tra i componenti delle organizzazioni dell’Osservatorio».
Adesso si attende la risposta di Sindaco e Giunta e l’organizzazione dell’atteso incontro.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2021 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative