accedi | registrati | 17-4-2021

A tu per tu con un padre e un uomo che ha lasciato gli Stati Uniti per ripartire dalla Calabria. Una figura nota in tutto il Paese

Una vita per l’autismo, Giovanni Marino: «La prossimità è cura»

di Tatiana Muraca 07/04/2021

La storia di un padre che per amore dei figli abbandona l’America e ritorna nel suo paese natio, in Calabria. Giovanni Marino ha dedicato la sua intera vita all’autismo, dopo che questo disturbo è stato diagnosticato ad entrambi i suoi figli, di 40 e 32 anni ciascuno. Presidente per 20 anni (e appena rieletto) dell’Angsa (Associazione Nazionale Genitori di Persone con Autismo) e ideatore della Fondazione Marino per l’autismo onlus di Melito Porto Salvo, ad oggi l’unica struttura sanitaria residenziale esistente in Calabria e componente del tavolo tecnico della Pastorale della Salute della Conferenza Episcopale Italiana in quanto organizzazione cattolica. «Ero un ingegnere nucleare e vivevo negli Stati Uniti - ci racconta Giovanni Marino – Mi sono reso conto, però, che l’America non poteva rispondere alle esigenze della mia famiglia, così ho lasciato tutto e sono tornato a casa. L’ho fatto per dare “protezione” ai miei figli». Da qui, Giovanni Marino ha letteralmente ricominciato da zero, buttandosi a capofitto in quella che era diventata ormai la sua missione: l’autismo. Ha incominciato a studiare la materia, a “tessere” una rete di contatti con migliaia di professionisti del settore, a conoscere le famiglie del territorio e non, per poi dare vita alla residenza, attiva da 13 anni. «La prima in Italia», specifica Giovanni Marino. La struttura ospita 12 ragazzi provenienti da tutta Italia, di cui almeno 9 in condizioni di sufficiente autonomia; condizione che permette loro di poter lavorare nella mensa a disposizione della residenza. «Tramite il lavoro nella mensa, dove si dà da mangiare ai poveri, i ragazzi imparano ad essere autonomi – ci continua a dire Giovanni Marino – Un’autonomia che cerchiamo di far sviluppare anche tramite attività all’interno di un campo agricolo sito accanto alla struttura e che speriamo possano accrescere ulteriormente con un nostro progetto in cantiere da tempo: acquistare un terreno più grande dove realizzare una mini azienda agricola e da lì far partire un altro tipo di qualità di lavoro». Prendersi cura degli animali, fare del giardinaggio, coltivare i prodotti della terra o prendere parte a dei laboratori, darebbe infatti una possibilità ulteriore a questi ragazzi di potersi specializzare in qualcosa. Un’idea che arriva dopo mesi di chiusura di forzata, durante i quali i residenti nella struttura non hanno potuto stare insieme ai propri familiari. «Durante il primo lockdown, abbiamo dovuto isolarci, adottando tutte le massime precauzioni del caso, e i ragazzi hanno sofferto molto di questo. Adesso, siamo tutti vaccinati e un po’ più tranquilli, per cui molti di loro riusciranno a vedere le famiglie almeno per Pasqua». Sempre secondo quanto ci racconta Marino, i ragazzi hanno anche la fortuna di poter usufruire di un appartamento sul mare a Bova: un bene confiscato affidato alla struttura dal Comune, un sollievo per questi ragazzi e per le loro famiglie, una valvola di sfogo durante i mesi estivi. «Tramite la mia esperienza – prosegue Giovanni Marino - mi sento di dire alle famiglie che si trovano ad affrontare questa problematica, di non rifarsi a notizie che circolano sul web, ma di affidarsi alla scienza, di avvicinarsi alle fondazioni e alle altre famiglie. L’autismo è una patologia di origine non perfettamente nota, per cui affidarsi a persone serie e affidabili è la chiave di tutto, insieme alla ricerca. Solo un intervento precoce, infatti, può aiutare a migliorare la qualità di vita di una persona autistica». Non per niente, Giovanni Marino da 6 anni contribuisce a promuovere la Fondazione Italiana per l’autismo, che raccoglie tutte le più grandi associazioni nazionali e organizzazioni professionali. «Quest’anno, abbiamo coinvolto anche la presidenza del Consiglio dei Ministri – aggiunge Giovanni Marino – il nostro scopo è quello di raccogliere fondi per la ricerca, perché solo così possiamo aiutare in primis i nostri figli e poi anche la società». Stimolare le istituzioni a seguire la scia della ricerca e della prevenzione è per Marino una priorità assoluta: «La nostra Regione ha il migliore piano dei servizi per l’autismo di tutta Italia e non lo sa nessuno. Nonostante questo, però, le istituzioni non finanziano e non favoriscono così la crescita di tali servizi. In Italia, sono circa 700mila le famiglie coinvolte nelle problematiche legate all’autismo, non si può abbandonarli», conclude Giovanni Marino.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2021 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative