accedi | registrati | 24-1-2021

Intrappolati nelle reti, quelli ancora vivi sono stati liberati il resto dati alle associazioni caritatevoli

Sequestrati piccoli pesce spada catturati illegalmente

di Redazione Web 13/11/2020

Continua incessantemente l'attività di contrasto alla pesca abusiva da parte degli uomini della Guardia Costiera di Reggio Calabria. A seguito di una mirata attività di pattugliamento lungo il litorale reggino, sono stati individuati e recuperati diversi sistemi di pesca abusivi cosiddetti “palangari derivanti” usati principalmente da pescatori sportivi per la pesca del Pesce Spada allo stadio giovanile.

L'intervento ha portato al recupero di circa 26.500 metri di palangari e di 118 piccoli esemplari di pesce spada, di cui 60 sono stati immediatamente liberati in mare poiché ancora in vita.
La restante parte, giudicata idonea al consumo umano dal personale dell’A.S.P. – Servizio veterinario di Reggio Calabria, è stata posta sotto sequestro e successivamente donata in beneficenza alle locali associazioni caritatevoli, per il tramite della Prefettura di Reggio Calabria.

Il pesce spada rientra tra le specie ittiche “protette” la cui cattura è sottoposta a particolari restrizioni dettate dalle vigenti normative nazionali e comunitarie.
In particolare la cattura di esemplari al di sotto della taglia minima consentita, ovvero che non abbiano raggiunto l'età riproduttiva, arreca danno alle specie alterando, inoltre, l'equilibrio dell'intero ecosistema.

La Guardia Costiera di Reggio Calabria continuerà, pertanto, a monitorare attentamente ed a contrastare tale fenomeno, quale impegno fattivo per la tutela della risorsa ittica e la salvaguardia dell'ambiente marino. 

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2021 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative