accedi | registrati | 21-1-2021

Lanciati appelli per aiutare le persone vulnerabili in Honduras, Guatemala e Nicaragua dopo i devastanti uragani Eta e Iota

Caritas sul campo in America Centrale per fornire aiuti urgenti

di Redazione Web 26/11/2020

Caritas Internationalis ha lanciato appelli di emergenza per aiutare le persone vulnerabili in Honduras, Guatemala e Nicaragua dopo i devastanti uragani Eta e Iota che hanno ripetutamente colpito l'America centrale.

«Come sempre, sono i più poveri a soffrire di più – dichiara padre Francisco Hernández, coordinatore regionale di Caritas Internationalis per l'America Latina - Le persone che già prima degli uragani erano in grave difficoltà, ora hanno disperatamente bisogno di un rifugio, di cibo e di aiuto per proteggersi dal COVID-19».

Eta, l'uragano più potente tra quelli che si sono abbattuti sull'America centrale negli ultimi vent'anni, e Iota hanno colpito milioni di persone, lasciandone centinaia di migliaia senza casa, e causato inondazioni, frane e blackout. Decine di morti sono state segnalate in tutta la regione e si prevede che il numero delle vittime aumenterà man mano che i soccorritori raggiungeranno le comunità più remote.
Il direttore di Caritas Honduras, Wilfredo Cervantes: «L'Honduras è uno dei Paesi più poveri dell'America Latina – dichiara il direttore di Caritas Honduras, Wilfredo Cervantes - Non abbiamo i mezzi per rispondere alle emergenze dei due uragani che si sono susseguiti e agli effetti della pandemia COVID-19».

«Oltre tre milioni di persone sono state colpite in Honduras. Molte famiglie non hanno più una casa e dormono all’aperto – continua Cervantes - Vogliamo occuparci dei loro bisogni immediati a breve termine e aiutarli a ricostruire le loro case e le loro vite nel lungo periodo. Ma abbiamo bisogno della solidarietà internazionale, solo così potremo iniziare a ricostruire le nostre comunità».

Ogni programma di emergenza in Honduras, Guatemala e Nicaragua, ciascuno del valore di 250mila euro, risponderà ai bisogni vitali delle popolazioni locali per i prossimi due mesi. I programmi includono la fornitura di cibo, kit igienici, l'accesso all'acqua potabile e la garanzia che le persone possano proteggersi dal COVID-19.
Caritas Honduras si sta concentrando sulla fornitura di cibo a 2500 famiglie (circa 12.500 persone), aumentando la loro capacità di proteggersi dal COVID-19 e aiutandole a riparare le loro case.

Caritas Guatemala fornirà aiuto a 1600 famiglie (circa 8000 persone) nei prossimi due mesi. Gran parte del Paese è stato sommerso da un'acqua che ha raggiunto i 4 metri di altezza. Le comunità rurali e quelle che vivono vicino ai fiumi sono state particolarmente colpite. Caritas riferisce che le famiglie di contadini hanno perso fino al 75 percento dei loro raccolti a causa della duplice calamità naturale.

In Nicaragua, la Caritas locale aiuterà 1000 famiglie (circa 5600 persone) nei prossimi due mesi, concentrandosi sulla distribuzione di aiuti alimentari e kit igienici, l'accesso all'acqua potabile e la sensibilizzazione sulla prevenzione del contagio da COVID-19. I programmi includono il rafforzamento della capacità dei leader indigeni lungo il fiume Coco di diffondere messaggi concernenti la salute pubblica tra le comunità, in modo che possano proteggersi.

Chiunque desiderasse donare può farlo all’indirizzo: https://www.caritas.org/donation/hurricane-eta-iota/

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2021 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative