accedi | registrati | 22-1-2021

Il messaggio profondo che da Maria arriva a noi. Don Antonino Sgrò: "Il suo “sì porta a compimento i sì del popolo nel passato e preparerà quelli futuri"

L'Immacolata e la forza di quell’Eccomi, esempio sempre attuale

di Redazione Web 08/12/2020

di Antonino Sgrò - L’incarnazione coincide con la storia di un dialogo che una donna intesse con il figlio che porta nel grembo; col passare delle settimane, esso si infittisce con la stessa naturalezza con cui progressivamente si intrecciano muscoli e nervi che compongono quel corpicino. Dopo il parto, la possibilità di incontrare il neonato verrà estesa a tutti. Ci vuole uno sguardo di fede per cogliere come tale relazione, dapprima intima e poi universale, abbia origine nel dialogo tra il Creatore e la creatura, mistero di stupore che ci invade ogni volta che ascoltiamo l’annuncio del messaggero divino all’umile fanciulla di Nazaret. Visione dell’angelo o rivelazione interiore? Comunque sia avvenuto l’incontro, di certo Maria è stata avvolta dalla gioia del favore divino («rallegrati, piena di grazia») che irrompe nella storia degli uomini in modo originale e definitivo. Altre volte il Signore si era manifestato ai suoi fedeli e aveva anche operato delle maternità prodigiose, come quella di Sara, madre di Isacco, o di Anna, madre di Samuele, ma non aveva ancora deciso di prendere Egli stesso qualcosa da noi. Prende ciò che più ci caratterizza, quella carne con cui esultiamo ma anche soffriamo, perché entrambe le esperienze sono primarie alla nostra coscienza. E proprio perché si tratta di un incontro avvenuto nella sua carne, Maria è attraversata all’inizio dal dolore del turbamento, dalla domanda drammatica sul motivo di una presenza e di un saluto che sono troppo altisonanti per una ragazza abituata al silenzio orante, tutto volto ad ascoltare la voce di Dio che echeggia in quella del promesso sposo Giuseppe. Invece Maria è scelta per udire direttamente la voce dello Sposo celeste e il suo “sì” la renderà segnata per sempre dall’Onnipotente nella carne, facendola diventare il segno di Dio nel mondo. E tutto questo accade in un istante, nello spazio di un saluto e di una notizia. Perché Maria non è rimasta nel suo smarrimento? Dove ha trovato la forza per rispondere «eccomi»? Eppure non è stato facile per lei. Per noi tutto si risolve nella “fiaba”: arriva l’angelo e tu dici sì, senza nemmeno pensarci troppo. E invece, se mi fermo a riflettere, mi domando: a chi potevi chiedere come sarebbe andata a finire? A chi potevi confidare che era il Figlio di Dio? Quando hai detto sì, hai pensato a tutto questo? Oppure ti è sembrato naturale accogliere la vita nuova, questa sterzata che ti cambiava prospettive e programmi? Maria è pronta a lasciarsi stravolgere da Dio, senza sapere cosa sarà di lei, perché è vergine, attesa pura dell’Amore puro, incontaminata da ogni sterile tentativo umano di trovare l’amore, pienamente disposta a ricevere il dono di Dio. Maria non si smarrisce perché si fida di suo Padre, che non la lascerà mai sola («il Signore è con te»), e accetta che la propria vita sia d’ora in poi totalmente visitata e guidata da un Altro. Sa che non potrà tornare indietro, perché si diventa padri e madri per sempre, ma non teme. «Come avverrà questo?». Ella chiede soltanto come deve comportarsi, cosa Dio si aspetta da lei. Non è resistenza la sua, ma desiderio di disporsi all’azione divina, di partecipare con creatività all’opera del Signore. L’angelo le spiega che non dovrà fare nulla, perché farà tutto lo Spirito Santo, Colui che opera le cose impossibili. La vergine si sente adombrata dallo Spirito, come la nube nel deserto copriva la tenda del convegno, in cui la gloria di Dio stabiliva la sua dimora. Sarà la madre del Santo, del Figlio di Dio, dell’Atteso del popolo. A Maria non sfuggivano le grandi opere di Yhwh nel passato e la speranza di quelle future: adesso, nel frammento della sua povera carne, si concentra tutta la storia della salvezza che chiede di passare di là, come attraverso una porta che solo lei può aprire. Il segno della sterilità di Elisabetta, ormai superata, è per Maria la conferma che il suo “sì” porta a compimento i “sì” del popolo nel passato e preparerà quelli futuri. Il racconto si conclude col desiderio ardente di Maria di vedere compiuto in sé il mistero divino, senza alcun merito, percependosi come «la serva del Signore». La storia di Maria diventa così la testimonianza di una vita che si dispiega gioiosamente nella risposta d’amore al Dio che chiama. Ella è concepita immacolata perché il Padre aveva già visto la sua risposta: guarda in noi, Signore, anche le risposte mai date, quelle ancora solo desiderate.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2021 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative