Avvenire di Calabria

Dal 23 al 25 Ottobre prossimo, presso la casa di spiritualità Maria Porto di Pace in Arghillà, si svolgerà il primo weekend formativo

Accompagnamento spirituale, corso di formazione ad Arghillà

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dal 23 al 25 Ottobre prossimo, presso la casa di spiritualità Maria Porto di Pace in Arghillà, si svolgerà il primo weekend formativo della Scuola Pratica di Accompagnamento Spirituale già al suo terzo anno di attività. La proposta formativa della Scuola è rivolta a presbiteri, diaconi, consacrati/e e laici che svolgono nel loro servizio il compito di guide spirituali e accompagnanti vocazionali o che sono impegnati in altre forme di accompagnamento e desiderano integrare la loro formazione con elementi di spiritualità (per es. psicologi).

Tale esperienza è nata nell’autunno del 2017, quando in modo informale sono stati organizzati due weekend di formazione pilota, in forma residenziale, guidati da padre Luca Garbinetto e don Enrico Parolari entrambi docenti dell’Istituto Superiore Formatori (ISFO), che sono stati accolti con entusiasmo dai partecipanti.  Ha fatto seguito una proposta più strutturata in un triennio, che conta attualmente trenta studenti, e quest’anno si è compiuto un ulteriore passo istituzionale: il riconoscimento accademico di Corso di Alta Formazione grazie alla collaborazione tra l’ISFO, collegato all’Istituto di Psicologia dell’Università Gregoriana, e l’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Mons. V. Zoccali” di Reggio Calabria, collegato con la Pontificia Università dell’Italia Meridionale. Una novità che si presenta come un valore aggiunto a questa esperienza formativa già di per sé molto valida e ricca sia sul piano dei contenuti sia su quello esperienziale e, per questo, preziosa occasione di crescita umana e spirituale per ogni studente.

La Scuola Pratica, fortemente voluta e sostenuta dal nostro Arcivescovo Mons. Giuseppe Fiorini Morosini, si propone di essere “un segno di comunione e di speranza per la Chiesa Calabrese” (cit. don Andrea Peruffo, direttore ISFO), in costante dialogo e collaborazione con le altre diocesi della Calabria e i loro Pastori, da cui provengono alcuni degli studenti attualmente iscritti al corso.

Tale dialogo è facilitato dall’equipe che si occupa di coordinare la Scuola,  formata da rappresentanti di diverse diocesi: dal nostro Vicario episcopale Mons. Salvatore Santoro e dalla dott.ssa Giusy Zinnarello consacrata dell’ordo virginum nella nostra diocesi, padre Luca Garbinetto religioso della Pia Società San Gaetano, psicologo e docente ISFO, don Fortunato Morrone presbitero della diocesi di Crotone- Santa Severina e docente presso l’istituto Teologico di Catanzaro, suor Caterina Foderaro, formatrice e religiosa francescana della diocesi di Lamezia Terme.

La proposta formativa della Scuola ha al centro il tema della vocazione, come decisione di vivere un’esistenza autenticamente cristiana, e cerca di coniugare il Vangelo con un’attenzione profonda alla dimensione umana attraverso l’apporto della psicologia e delle scienze umane. Tale scelta riecheggia l’adagio caro a sant’Ireneo: “Veri uomini, veri santi!” che ci invita a superare antiche scissioni dicotomiche e a guardare all’uomo nella sua straordinaria complessità.

 

 

Articoli Correlati

Il santo del giorno del 27 luglio è san Pantaleone

Il santo del giorno del 27 luglio è san Pantaleone

San Pantaleone compare sia nel gruppo greco dei medici «anargiri» sia nel gruppo occidentale dei Quattordici Intercessori. Un santo che “unisce” la Laguna veneziana all’Area grecanica reggina. Scopri perché.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.