Avvenire di Calabria

Nei prossimi giorni il Comune di Melito dovrebbe provvedere ad effettuare un intervento di disinfestazione e derattizzazione nella baraccopoli

Baraccopoli Melito, verso l’equa dislocazione abitativa

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Della baraccopoli di Melito Porto Salvo e delle condizioni igienico-sanitarie delle otto famiglie che vi abitano, se ne è discusso lo scorso 9 giugno, in un incontro tra la Commissaria prefettizia, dssa A. Colosimo, il presidente dell’associazione Un Mondo di Mondi, G. Marino, ed il Comandante dei Vigili urbani del Comune, dott. A. Laganà.

Intervento di disinfestazione e derattizzazione, oltre alla sistemazione abitativa delle famiglie costrette a vivere tra rifiuti, topi e insetti, è quanto chiesto dall'associazione al Comune. Il progetto di equa dislocazione delle famiglie infatti è fermo ormai da anni.
Positive le risposte della Commissaria.

Nei prossimi giorni il Comune di Melito dovrebbe infatti provvedere ad effettuare un intervento di disinfestazione e derattizzazione nella baraccopoli, anche se già effettuato nel mese di marzo, durante il lockdown. Riguardo alla sistemazione abitativa delle famiglie che risiedono nella baraccopoli, sembrerebbe che da mesi l’Amministrazione si stia impegnando per creare le condizioni necessarie per riavviare il progetto di equa dislocazione delle famiglie.

La Commissaria prefettizia ha sostenuto infatti che il Comune riavvierà presto il programma di assegnazione degli alloggi in dislocazione, utilizzando alloggi popolari e alloggi confiscati già individuati dal comando dei Vigili urbani. Il Comune dovrà effettuare questa operazione di emergenza abitativa, prevista dalla normativa vigente, garantendo anche le assegnazioni di alloggi alle famiglie che risultano vincitrici del bando ordinario ancora in corso di validità.

L'impegno della dott.ssa Colosimo è di avviare l’equa dislocazione abitativa con un’azione di dialogo con le famiglie della baraccopoli e per questo ha chiesto l’aiuto dell’associazione Un Mondo Di Mondi per garantire l’attività di mediazione.
L’associazione, presieduta da Marino, è da anni impegnata a garanzia del diritto all'abitare anche delle famiglie della baraccopoli di Melito, pertanto garantirà la necessaria azione di mediazione.

Un altro provvedimento è stato inoltre approvato nei mesi scorsi - delibera con i poteri della Giunta nr 17 dell’11 febbraio 2020 - un progetto di 900.000 euro per la riqualificazione dell’area dell’ex Palazzetto dello sport. Il progetto prevede la demolizione della struttura fatiscente dell’ex Palazzetto dello sport ed una serie di interventi finalizzati a recuperare l’area per attuare aree attrezzate a verde pubblico, in attesa della costruzione di un nuovo Palazzetto.

L’equa dislocazione delle famiglie della baraccopoli comunque non dipende dagli esiti del progetto, in quanto si potrà realizzare con gli alloggi popolari e confiscati che sono stati individuati. Le spese che il Comune dovrebbe affrontare sarebbero solo quelle necessarie per garantire l’abitabilità degli alloggi da assegnare e per la demolizione delle baracche lasciate dalle famiglie.

Si tratta però di spese contenute. Gran parte degli alloggi individuati infatti dovrebbero essere in buone condizioni e la demolizione delle baracche potrebbe essere realizzata in economia. Si attendono nei prossimi giorni le prime azioni annunciate dal Comune.

Articoli Correlati

Piroscafo Torino, il patrimonio sommerso di Melito Porto Salvo

Alle 11 di ieri, all’interno dei Museo Garibaldino sito in località Rombolo del lungomare dei Mille di Melito Porto Salvo, il funzionario archeologo subacqueo Alessandra Ghelli ha presentato l’attività di tutela del patrimonio culturale del piroscafo Torino

Condofuri, lite tra ragazzi. Un arresto per tentato omicidio

Un giovane di 21 anni ricoverato in prognosi riservata con una grave ferita al collo, e un altro ragazzo arrestato con l’accusa di tentato omicidio. Il folle gesto sarebbe scattato al culmine di un litigio nato nel corso della giornata di ieri per futili motivi

A Melito la condivisione online si fa preghiera

Oltre ai momenti in streaming della parrocchia, organizzati e vissuti con il parroco don Gaetano Nalesso, i fedeli si ritrovano in rete per un momento che vuole essere anche e soprattutto «fare comunità in cammino».

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.