Avvenire di Calabria

La nuova nomina arriva nel giorno del 19 marzo, festività di San Giuseppe lavoratore

Caf Mcl, Vincenzo Massara è il nuovo presidente nazionale

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nella seduta del 19 marzo, festività di San Giuseppe lavoratore, il Consiglio di Amministrazione del Caf Mcl ha eletto a Presidente Nazionale l’Avv. Vincenzo Massara.
L’avv. Massara immediatamente dopo l’elezione ha voluto ringraziare il Movimento Cristiano dei Lavoratori sottolineando l’importanza e il grande lavoro che sottende a questo incarico.
«Sono grato al Movimento per avermi voluto indicare quale nuovo Presidente nazionale del Caf Mcl e al nuovo Consiglio di Amministrazione per aver accolto la proposta con voto unanime. Affronterò questa nuova avventura svolgendo il compito affidatomi con dignità e onore, nell’interesse della gente e tra la gente. Priorità al territorio, al lavoro, alla dignità dei lavoratori e delle loro famiglie. È un compito di grande responsabilità, soprattutto in questo periodo di pandemia in cui vi è l’urgente necessità per i cittadini e le famiglie di poter avere dei punti di riferimento nel dialogo quotidiano con le istituzioni burocratiche del nostro Paese. I nostri servizi, che noi preferiamo chiamare opere, nascono proprio con l’obiettivo di essere accanto alle persone, costretti spesse volte a lunghe peregrinazioni nei meandri della burocrazia».
Attraverso l’azione del Movimento e dei suoi servizi, aggiunge l’Avv. Massara, «vogliamo ribadire il ruolo centrale dei corpi intermedi nella vita del nostro Paese», lo stesso Presidente Mattarella, qualche tempo fa a Modena presso la Fondazione “Biagi” ne ha voluto sottolineare il ruolo e l’importanza. Ha detto il Presidente: «Va evidenziata la grande importanza del ruolo delle rappresentanze sociali e dei corpi intermedi, che supera la pur fondamentale dimensione delle relazioni del lavoro, perché riguarda in realtà anche la salute del tessuto democratico del nostro Paese. Rappresentanze sociali e corpi intermedi sono realtà in cui i cittadini si riconoscono, ascoltare loro significa ascoltare gli italiani. E dunque la loro emarginazione, la loro attenuazione di ruolo rende più fragile la società ed espone maggiormente i cittadini ad essere vulnerabili rispetto alle incertezze, alle insicurezze e alle paure che inducono alla chiusura in se stessi».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.