Avvenire di Calabria

Il Nucleo investigativo dei Carabinieri Forestale di Reggio Calabria è intervenuto su mandato della Procura

Canile Mortara: intervento dell’Arma, gestore ai domiciliari

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalle prime ore di oggi, all’esito di indagini condotte dal Nucleo investigativo reati in danno degli animali (N.I.R.D.A.) del Gruppo Carabinieri Forestale di Reggio Calabria, i militari in forza ai reparti dei Carabinieri Forestali operanti in provincia stanno eseguendo, su delega della Procura della Repubblica della città capoluogo, un provvedimento di natura cautelare, emesso dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale Reggino, nei confronti del gestore del canile municipale di Reggio Calabria, sito in località “Mortara di Pellaro”, che è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Ciò in conseguenza di gravi irregolarità riscontrate nelle procedure di gara finalizzate all’aggiudicazione della gestione della struttura, oltre che nella conduzione della stessa. Col medesimo provvedimento, è stato disposto dall’A.G. il sequestro del canile municipale, in corso di esecuzione. Ampio il numero delle fattispecie penali per le quali si procede, che vanno dai reati contro la fede pubblica a quelli contro il patrimonio, da quelli in materia ambientali a quelli in danno degli animali, che si ipotizza siano stati commessi in concorso con altri soggetti.

Articoli Correlati

Azione costante a tutela del patrimonio boschivo, fauna e flora

44.346 controlli effettuati, di cui 42.177 in Calabria e 2.169 in Sicilia per i militari del Comando Regione Carabinieri Forestale Calabria nello scorso 2020. «Fondamentale la collaborazione dei cittadini» dice il Colonnello Giorgio Maria Borrelli

Abusivismo edilizio nel Parco Nazionale dell’Aspromonte

I carabinieri forestali hanno deferito in stato di libertà un 59enne e un 56enne incensurati: si erano resi autori della realizzazione di un fabbricato a tre piani sito in un’area sottoposta a vincolo paesaggistico-ambientale, dentro il Parco d’Aspromonte

Servizi ciclomontati nel Parco Nazionale dell’Aspromonte

Il Reparto Carabinieri Parco Nazionale “Aspromonte” di Reggio Calabria si è avvalso dei militari di servizio ciclomontato, che con l’ausilio delle conoscenze del territorio, sono risusciti a coniugare il rispetto dell’ambiente con l’ osservanza delle regole