Avvenire di Calabria

Il webinar “Giornata per l’approfondimento della conoscenza del popolo ebraico”, organizzato dall’Ufficio ecumenismo della diocesi lungrese

Dialogo cattolici-ebrei, Oliverio: «Risanare le ferite rimaste»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Il dialogo con i nostri fratelli ebrei non può essere relegato in quello interreligioso e ci chiede di risanare le ferite che ancora rimangono». Lo ha detto ieri pomeriggio mons. Donato Oliverio, vescovo di Lungro, al webinar “Giornata per l’approfondimento della conoscenza del popolo ebraico” organizzato dall’Ufficio ecumenismo della diocesi lungrese.
«La speranza e la fiducia nell’amore di Dio – ha detto il vescovo – non vengono mai meno e la nostra realtà diocesana, dopo due anni dai festeggiamenti del centenario dell’Eparchia, continua a camminare, anche con maggiore consapevolezza, e a desiderare di giungere un giorno all’unità. L’amore di Dio, anche in questo momento di prova, ci provoca a nuove forme di incontro, ci unisce e abbatte qualsiasi distanza fisica», ha detto il presule lungrese, introducendo l’incontro. Mons. Oliverio ha evidenziato che «questo è un nuovo tempo per il dialogo, in cui viene chiesto ai cristiani di camminare insieme e far parte dell’unica famiglia. Occorre – ha proseguito il vescovo di Lungro – un nuovo nuovo slancio di evangelizzazione e missionario perché evangelizzando ci facciamo testimoni per porre nuovi mattoni al fine di edificare uomini e donne di dialogo». Parlando dei rapporti ebraico-cristiani, il presule ha esortato: «In un mondo che emargina i poveri i piccoli e genere via inconciliabili con Cristo Gesù, facciamoci promotori di un dialogo sincero e obiettivo».

Agensir

Articoli Correlati

Sassoli (Parlamento Ue): «Auschwitz simbolo del male assoluto»

Nel corso di una cerimonia svoltasi al Parlamento europeo, il presidente ha pronunciato – a tratti emozionato – un toccante discorso sulla memoria dell’Olocausto. ” Le persecuzioni naziste si iscrivevano in un progetto di nazionalismo esasperato”

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.