Avvenire di Calabria

Il libro di Michelangelo Bartolo che sarà presente all'iniziativa, traendone le conclusioni sarà presentato alla ''Monsignor Ferro''

Diario di viaggio tra Africa e Italia, presto la presentazione

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

"L'Afriche c'est chic", il diario di viaggio di un medico euro-africano sarà presentato il 17 dicembre, dalle 17 presso la Sala "Monsignor Giovanni Ferro", in via Tommaso Campanella a Reggio Calabria.

 
Il libro di Michelangelo Bartolo che sarà presente all'iniziativa, traendone le conclusioni, è edito da Infinito e presenta la prefazione di Roberto Gervaso e una nota di Andrea Camilleri, il padre letterario del Commissario Montalbano.
 
Alla presentazione, moderata dalla giornalista Anna Foti, interverranno don Nino Russo, responsabile del settore Mondialità della Caritas diocesana, don Yves Pascal Nyemb, direttore dell'Ufficio Missionario diocesano, Giovanni Cassone, presidente della Fondazione "Clara Travia Cassone" e Tito Squillaci, pediatra cooperante del Kalong Hospital "Padre Ambrosoli" dell'Uganda.
 
A introdurre i lavori sarà monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, arcivescovo di Reggio Calabria - Bova. L'iniziativa è sostenuta dalla Comunità di Sant'Egidio.

Articoli Correlati

cantiere sinodale reggio bova

Reggio-Bova, il “cantiere” sinodale riparte dall’esempio di Betania

«Nessuno si salva da solo», la due giorni vissuta al Soccorso restituisce argomenti per il laicato reggino. La riflessione del Segretario Consulta diocesana per le Aggregazioni Laicali sull’inizio del nuovo anno pastorale: «Gettare la maschera di discussioni e scetticismi che ci fanno camminare col freno a mano tirato».

Oggi la Chiesa ricorda padre Pio da Pietralcina

Il Santo del giorno, la Chiesa ricorda Padre Pio

Oggi la Chiesa ricorda padre Pio da Pietrelcina. Il 23 settembre è il giorno del Santo. Il Martirologio romano, nel ricordarne le virtù, ne esalta anche l’impegno «nella direzione spirituale dei fedeli e nella riconciliazione dei penitenti», oltre a «tanta provvidente cura verso i bisognosi e i poveri»