Avvenire di Calabria

Domani in edicola "futuropresente": «Alla ricerca della pace»

Ritorna l'inserto mensile dell'Ac reggina che esce insieme al settimanale diocesano L'Avvenire di Calabria

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ritorna #futuropresente, l’inserto mensile dell’Azione cattolica reggina che esce in edicola con L’Avvenire di Calabria. Cuore di questo numero è la riflessione sulla pace, anche in considerazione del fatto che, durante il mese di gennaio, si svolge la consueta Marcia per la pace promossa dall’Acr.

I contributi pubblicati su #futuropresente sono molto ricchi di idee. Michele D’Avino, direttore dell’Istituto di diritto internazionale della pace “Giuseppe Toniolo”, effettua una rilettura della situazione attuale dei rapporti tra gli stati a partire dal centesimo anniversario dalla conclusione della Grande guerra. «È necessario rinsaldare le fondamenta del diritto internazionale già sancite nel preambolo della Carta dell’Onu – afferma D’Avino – e fare tutto il possibile affinché il diritto prevalga sulla forza».

In pagina trovano spazio due esperienze “forti” promosse dall’azione cattolica. Si tratta due tappe di preghiera e volontariato proposte agli associati: l’Hogar “Niño de Dios” e il Caritas Baby Hospital, entrambi situati a Betlemme: sarà possibile leggere il racconto di alcuni testimoni. Infine, la riflessione dell’assitente Acr, don Marrapodi, perneata su pace e politica: «Solo perseguendo un progetto politico e di vita, fondato sulla responsabilità reciproca, potrà nascere il frutto della pace».

Articoli Correlati

Pace, Lotti: «La cura è un modo di essere e di agire»

“La cura è soprattutto relazione e ci invita a contrastare la cultura dell’indifferenza, dello scarto e dello scontro (i grandi mali dei nostri giorni)”. Un appuntamento da non perdere: il 10 ottobre 2021, la PerugiAssisi

Santo Marcianò, «il Mistero del Natale è intreccio di cura»

“In questa parola, cura, convergono gesti concreti di accoglienza, condivisione, solidarietà; di conversione, guarigione e speranza; di dedizione e amore, fino al dono della vita, molti dei quali hanno illuminato e illuminano il buio della pandemia”

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.