Avvenire di Calabria

Torna l'appuntamento con L'Avvenire di Calabria, come ogni domenica in uscita con Avvenire, quotidiano dei cattolici italiani

Domani in edicola. Perché i cristiani sono chiamati a accogliere?

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Torna l'appuntamento con L'Avvenire di Calabria, come ogni domenica in uscita con Avvenire, quotidiano dei cattolici italiani. Per l'ottavo numero del 2020, l'apertura è dedicata all'intervista di monsignor Giuseppe Schillaci, vescovo di Lamezia Terme, col quale abbiamo parlato della Carità, virtù fondante della nostra fede: perché vivere la prossimità è un dovere dei cattolici? Il presule etneo ha risposto a questa domanda attingendo al Magistero.

Ampio spazio, ovviamente, è stato dedicato all'inizio della Quaresima con le riflessioni di don Nino Pangallo, direttore della Caritas diocesana di Reggio Calabria - Bova; Giusy Zinnarello e padre Angelo Battaglia. Non manca il nostro tour nelle parrocchie: questa settimana siamo stati a Brancaleone.

Rispetto all'attualità proveremo ad analizzare cause ed effetti della maxi-operazione "Eyphemos" condotta dalla Dda e che ha portato all'arresto di un neo-consigliere regionale. E a proposito di politica sentire le parole di Nicola Paris che a breve esordirà tra gli scranni di Palazzo Campanella sotto il vessillo dell'Udc.

Di questo e di tanto altro, troverete all'interno delle pagine de L'Avvenire di Calabria.

Articoli Correlati

ucraina disabilità pace

Domani in edicola. Ucraina, disabilità e pace: le iniziative dalla Calabria

Tra chi torna e chi spera di partire vi raccontiamo come i calabresi lavorano da «corpi di Pace» per aiutare, soprattutto, l’evacuazione delle persone con disabilità dai territori di guerra. Questa l’apertura del numero di Avvenire di Calabria in edicola domani con Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani.