Avvenire di Calabria

Preoccupano i dati diffusi in occasione della recente Giornata mondiale per la conservazione della natura

Greenpeace: le attività umane minacciano i cetacei

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Un quarto dei cetacei spiaggiati lungo le nostre coste negli ultimi anni è morto per cause imputabili all’uomo, in particolare per l’intrappolamento nelle reti, che sempre più spesso si trovano abbandonate in mare e che vanno ad acuire la contaminazione da plastica, ma anche a causa delle reti illegali, come le spadare, che nei giorni scorsi hanno intrappolato ben due capodogli al largo delle Eolie». Lo rivela una ricerca commissionata da Greenpeace all'Università di Padova e diffusa in occasione della Giornata mondiale per la conservazione della natura.

«L’84% dei capodogli spiaggiati tra il 2008 e il 2019, su cui si sono condotte delle analisi, aveva nel proprio stomaco frammenti di plastica, con il ritrovamento straordinario di ben 22 chili di plastica nella femmina spiaggiata a Olbia a inizio 2019. La causa? Sono i grandi teli usati per l’agricoltura, le buste, i filamenti derivati dalla frammentazione della plastica, che si accumulano nei loro stomaci. Anche se non uccidono i cetacei li debilitano, alterando la loro funzionalità intestinale, facendoli faticare per nutrirsi e favorendo l’emergere di altre problematiche».

Preoccupa i veterinari anche l’isolamento di un virus, quello del «morbillo dei cetacei, che dopo gravi epidemie di stenelle tra il 1990 e il 2008, sembra adesso riemergere tra diverse specie di cetacei, soprattutto associato ad altri stress ambientali. Cinque dei sei capodogli analizzati spiaggiati nell’estate 2019 sono risultati positivi al virus. A mettere in allarme è che si sta verificando per questo virus, proprio come per quello della SARS e del Covid-19, l’effetto spillover ovvero il “salto di specie”, arrivando fino a specie anche lontane come lontre di fiume e foche».

Articoli Correlati

Liquichimica, Greenpeace chiede chiarezza al Governo

Gli attivisti dell’organizzazione mondiale a difesa dei diritti ambientali ha organizzato un’iniziativa a Saline Joniche. L’intento è incidere sull’azione dell’esecutivo guidato da Matteo Renzi in tema di dismissione delle centrali a carbone. Si riaccendono i riflettori su una vicenda assurda del Sud Italia. «Zona di baratto», ci spiega il parroco, don Paolo, spiegando della paura crescente del territorio.

Liquichimica, la «scalata» di Greenpeace

Gli attivisti del movimento per i diritti ambientali lanciano su twitter l’iniziativa in diretta da Saline Joniche (Reggio Calabria). Gesto simbolico contro la possibile costruzione di una centrale a carbone da parte della multinazionale elvetica Sei – Repower. Sui social network un messaggio chiaro: Accediamo in sole, slogan del tour dell’organizzazione su ambiente ed energia. Guarda il video.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.