Avvenire di Calabria

La soddisfazione di Circolo Velico e Fiv Calabria

Italia Cup, Reggio Calabria si conferma la “capitale” della vela

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo i tre giorni della Italia Cup della classe Laser che ha inondato di vele Reggio, è il momento di trarne il consuntivo per valutare come la città vuole continuare ad essere la capitale della vela. L’evento come veicolo di promozione e sviluppo economico e turistico, il più importante nel 2021 al Sud, vive ancora, oggi, grazie all’eco virtuale e al successo riscosso sui media.

Il 2021 si è presentato, superato da qualche giorno l’emergenza sanitaria, con un grande coinvolgimento, in varia misura, delle aziende e dei servizi che hanno voluto coprire le esigenze tecniche e logistiche dell’evento. Uno spirito di squadra ha coinvolto tutta la città iniziando dal Patrocinio della Reggina Calcio, definito clamoroso dalla stampa sportiva specializzata, e suscitando in tutta l’Italia l’ipotesi che città sede di eventi velici importanti, da oggi, si dovranno porre il problema di emulare Reggio.

 Interesse ha riscosso il binomio della Università Mediterranea con il Circolo Velico che ha messo in evidenza che a Reggio si può regatare, ma si può anche studiare con l’offerta universitaria della Mediterranea. Una città del Sud che offre, non solo clima e bellezze naturali, ma anche impianti sportivi che consentono di praticare la disciplina sportiva del mare per tutto l’anno.

Ma da una storia ricca di miti e tradizioni millenarie non potevano mancare i vini reggini, figli di una terra straordinaria. Dal suo passato il vino è giunto nelle tavole più rappresentative attraverso il mare e questo binomio si è concretizzato nella regata Italia Cup.  Il Consorzio dei vini reggini, Terre di Reggio Calabria, con le sue aziende dell’area metropolitana hanno voluto omaggiare i regatanti partecipando alla premiazione e celebrando la vittoria degli atleti con un augurio del suo Presidente, il dr. Ielasi, ricco di memorie storiche e riferimenti culturali.

Misurare il risultato dell’evento è un dovere e assieme uno stimolo. In un periodo dove incombe ancora lo spettro del Covid, scommettere sulla ripresa con una buona presenza di ospiti che per la prima volta hanno visto Reggio e che sicuramente vorranno ritornare, non è stato un azzardo, ma, una scommessa sul futuro.

Da oggi, ci si può impegnare sul mare che è fonte di economia con le sue sinergie commerciali e turistiche a lungo termine. Per continuare ad essere la Capitale della Vela, il Circolo Velico riparte dalla rinomata scuola vela che è scuola di mare. Tutto ciò si è ottenuto in questi cinquant’anni di vita del Circolo Velico grazie al contributo dei soci, dai Fondatori alle più giovani leve, che onorano lo Sport con il loro comportamento leale.  Il Circolo, assistito dalla FIV e dal CONI, ha seguito rotte sempre nuove e coraggiose, spesso non indicate sulle carte nautiche, ma che hanno conseguito risultati eccezionali. 

Questo obiettivo si raggiunge in sinergia con le Istituzioni che devono dare una mano per reggere il timone e salire sul ponte di comando della nave città per inseguire sogni e traguardi. L’acquisizione di eventi sportivi nazionali oggi non vengono trattati dalle singole società ma direttamente dalle amministrazioni comunali e regionali.

Le Federazioni Nazionali, attraverso le offerte che partono dagli Enti locali di sponsorizzazione, destinano gli eventi e solo successivamente interessano le singole società o consorzi di società sportive affiliate.  La nostra Regione e la nostra città, se vogliono eventi “originali” come è stato quello della Italia Cup, devono per il futuro affidarsi a manager introdotti. La strada è stata segnata, basta salire sul ponte di comando. 

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.