Avvenire di Calabria

Domenica, solenne celebrazione presieduta da monsignor Nunnari

Nella cornice della Costa Viola, la festa S. Maria di Porto Salvo

Tante le manifestazioni che si svolgeranno in Piazza Gramsci

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Proseguono i festeggiamenti per l’annuale omaggio a S. Maria di Porto Salvo della Marinella di Bagnara, le cui celebrazioni liturgiche hanno avuto inizio giovedì e termineranno domenica 25 con la solenne concelebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo Emerito di Cosenza-Bisignano Mons. Salvatore Nunnari. La festa si concluderà con la processione dell’Effige di S. Maria di Porto Salvo che si svolge in due tempi: prima si snoderà per le vie della parrocchia animata dalla Banda Musicale Città di Bagnara e dopo trasportata su una nave seguita da un suggestivo corteo di barche e portata lungo la costa, con la deposizione a mare della corona in memoria dei defunti e la tradizionale “murrata”. Quest’ultima scena vede tutte le barche, inclusa quella che trasporta la sacra Effige, allineate con la prua verso la chiesa e vicinissime alla spiaggia, mentre il cielo sarà illuminato dai fuochi pirotecnici. La festa, organizzata dal parroco Don Filippo Cotroneo, sarà anche allietata da manifestazioni che si svolgeranno in piazza Gramsci. Durante i pomeriggi e le sere dal sabato 17 al martedì 20 saranno protagonisti i giochi popolari per bambini, dal tiro alla pentolaccia a quello alla fune. In particolare la “Gara della pasta asciutta all’amatriciana” per concorrenti adulti che si svolgerà domenica 18 alle h. 20 sarà un gustoso modo per esprimere la solidarietà dei concorrenti e dei visitatori nei confronti delle persone colpite dal terremoto in centro Italia, all’indirizzo dei quali saranno devoluti i fondi raccolti. Giovedì 22 I Mietituri, compagnia teatrale amatoriale di Bianchi, piccolo paese della Sila, sarà ospite portando in scena la commedia brillante in due atti “Madame Cuncetta e a figghia schetta”, di Barbara Modaffari e Ketty D’Amico, due autrici reggine trasferitesi a Cosenza e Roma il cui primo testo è già stato scelto da compagnie Calabresi e Siciliane e garantisce tante risate. Venerdì 23 la Serata dei talenti “A spasso nel tempo”, curata dai giovani della parrocchia, guidati da Don Filippo, e che vedrà come protagonisti i bambini. Sabato 24 la Finale del premio Mia Martini giovani “Una voce per Mimì” con diretta radiofonica su Radiomedua. Domenica 25 protagonista il Gruppo etnico Popul’Aria, con musica etnica-popolare seguito dai fuochi pirotecnici della Firemotion di Nino Belardo di Trecastagni (Ct). Giorni, di preghiera, di solidarietà, di comunione, ma anche di cultura e divertimento, per un appuntamento che si rinnova ogni anno all’insegna e nel rispetto delle tradizioni popolari.

Articoli Correlati

Grande festa nella chiesa abbaziale di Bagnara Calabra

Restaurate le artistiche statue lignee di san Domenico di Guzman e san Vincenzo Ferrer. Il momento di gioia e spiritualità per “il ritorno a casa” delle opere d’arte, benedette da monsignor Giuseppe Fiorini Morosini

Bagnara, celebrazione in onore dei SS. Domenico e Vincenzo

La consegna delle due statue lignee alla parrocchia abbaziale “Santa Maria e i XII Apostoli” avverrà domenica 14 marzo durante un incontro culturale, con conseguente rito di benedizione, presieduti dall’arcivescovo Morosini

Don Cassone, «un sacerdozio in punta di piedi»

“Era discreto e semplice. La sua eredità è preziosa”. Don Rosario gli subentrò come abate di Bagnara. Il suo omaggio ad un uomo di chiesa sempre con il sorriso stampato in viso, votato a Dio e al suo servizio di vicinanza e carità al popolo

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.