Avvenire di Calabria

Il presule calabrese ha incontrato il vescovo Cosa insieme ad una delegazione della carovana della Pace

Savino (Cei) in Moldavia, visita al vescovo di Chisinau

Dall'inizio dell'invasione russa, il Paese dell'Est Europa ha accolto oltre 400 mila profughi ucraini

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo essere stato ad Odessa, in Ucraina, in rappresentanza della Cei in occasione della tappa della Carovana della Pace, il vescovo Savino è stato in Moldavia: dall'inizio della guerra, qui accolti oltre 400 mila profughi.

Il vescovo di Cassano all’Jonio e vice presidente della Cei, Francesco Savino, ieri assieme a una delegazione della carovana della pace #stopthewarnow, di ritorno in Italia dopo i giorni ucraini a Odessa e Mikolaiv, ha incontrato il vescovo della diocesi cattolica di Chisinau, in Moldavia, Anton Cosa.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Il vescovo calabrese ha visitato anche un centro di Regina Pacis nella capitale moldava che dà un tetto a bambini in fuga dalle terre occupate dai russi.

Monsignor Savino, in occasione della sua visita in Moldavia, ha ringraziato per l’impegno umanitario del popolo moldavo che dall’inizio dell’invasione russa ha accolto 400mila profughi ucraini, solo 72mila dei quali sono per il momento rimasti in Moldavia. “Qualsiasi nazione lo avrebbe fatto”, ha risposto con semplicità il vescovo Cosa.


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Monsignor Savino a Odessa: «La richiesta di Pace farà rumore»


Il vicepresidente della Conferenza episcopale italiana (Cei), monsignor Francesco Savino, domenica scorsa si è recato in territorio dell'Ucraina per manifestare accanto alla rete #stopthewarnow la vicinanza della Chiesa italiana.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.