Avvenire di Calabria

Scuola: Sipps, il decalogo dei pediatri per un rientro felice e senza stress

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Impostare un orario di sveglia adeguato alla ripresa dell’attività scolastica e preparare i vestiti la sera prima per risparmiare tempo al mattino, dormire un po’ di più e fare una ricca colazione. Andare a letto prima la sera negli ultimi giorni di vacanza per avere ore di sonno sufficienti, evitando tablet, videogiochi o Tv. E poi, dopo gli strappi alla regola in tema di alimentazione, tornare ai cinque pasti al giorno (colazione, spuntino di metà mattino, pranzo, merenda e cena) applicando i principi della dieta mediterranea, con cibi provenienti da coltivazione biologica. Sono le prime tre “regole” del decalogo stilato dalla Sipps (Società italiana di pediatria preventiva e sociale) per un rientro felice e senza stress a scuola.

Uno degli aspetti più difficili è adattarsi nuovamente ai compiti: i genitori devono aiutare i ragazzi “ma non devono farli al posto loro”, affermano i pediatri. Importante stabilire un orario di studio fin dalla prima settimana. E ancora: riprendere uno stile di vita sano. Meglio “accompagnare i figli a scuola facendo insieme una passeggiata” che “arrivare in macchina fin sotto i gradini dell’istituto”. Ai genitori i pediatri chiedono inoltre di “non trasmettere ansie al bambino nell’organizzare tempi e impegni”, di non criticare la scuola o gli insegnanti, di non lamentarsi delle spese per libri e materiale didattico. Quest’ultimo andrebbe acquistato in tempo, coinvolgendo i bambini nella scelta di quaderni, libri, zaini, penne e astuccio.

I bambini devono poi familiarizzare con l’ambiente: per quanti vanno a scuola per la prima volta è di grande aiuto che padri e madri li accompagnino nella nuova scuola qualche giorno prima che inizino le lezioni; per i più piccoli è rassicurante vedere i propri genitori interagire in maniera positiva con gli insegnanti. Per gli studenti più grandi, invece, è importante riprendere i contatti con i compagni di classe per ricollegarsi in modo piacevole alla prossima routine delle lezioni. Ultima indicazione: pensare all’iscrizione a corsi di sport o di giochi strutturati in base alle attitudini del bambino. “Praticare sport genera un rilascio di endorfine che aiutano a migliorare l’umore e la concentrazione”.

“Se ci si prepara in anticipo – spiega il presidente Sipps, Giuseppe Di Mauro -, la reazione di grandi e piccoli ai cambiamenti sarà semplice e priva di stress”. Obiettivo, conclude il responsabile della comunicazione e della educazione Michele Fiore, aiutare i ragazzi “a tornare tra i banchi, riaprire i libri di testo e ricominciare a studiare con gioia”. Fondamentale “non utilizzare videogiochi, tablet, computer o televisione durante le ore serali e, soprattutto, prima di andare a dormire”.

Fonte: Agensir

Articoli Correlati

Cammino sinodale: Acireale, in cattedrale l’assemblea diocesana. Indetta dal vescovo Raspanti la visita pastorale

Si è svolta nei giorni scorsi nella cattedrale di Acireale l’assemblea sinodale diocesana, durante la quale sono state consegnate le indicazioni per il nuovo anno pastorale dal tema “Una Chiesa che cammina con tutti”. Per questo nuovo tempo che si apre la proposta si concretizza nel discernimento, inteso come capacità di intraprendere insieme un cammino […]

Comunicazioni sociali: WeCa, al via la sesta stagione dei tutorial con un focus su parrocchie e WhatsApp

Ritorna, oggi, mercoledì 4 ottobre, dopo la pausa estiva, l’appuntamento del mercoledì con i tutorial WeCa, la rubrica settimanale di formazione video su Chiesa, comunicazione e digitale, promossa dall’Associazione WebCattolici Italiani (WeCa), che nel mese di gennaio 2024 toccheranno quota 200 episodi. Un’esperienza ricca di collaborazioni e di risvolti quella dei tutorial, culminata nel libro […]