Avvenire di Calabria

Si ricercano ostetriche, infermieri, personale amministrativo e addetti comunicazione. Possono partecipare i giovani fino a 28 anni

Servizio Civile Universale: 8 posti per Medici con l’Africa Cuamm

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Medici con l’Africa Cuamm partecipa al bando per il Servizio civile universale e offre a otto giovani, che abbiano meno 28 anni, la possibilità di prendere parte a diversi progetti, in quattro Paesi africani: Uganda, Sierra Leone, Mozambico e Angola.

Sono otto le posizioni aperte, si ricercano ostetriche, infermieri, personale amministrativo e addetti alla comunicazione. È possibile candidarsi fino al 15 febbraio, a questo sito.
Tutte le figure contribuiranno allo sviluppo di progetti legati alla salute materno infantile in Africa, che è il primo fronte di intervento di Medici con l’Africa Cuamm, attiva in otto Paesi africani, con alle spalle una storia di 70 anni.

In Uganda, per esempio, Medici con l’Africa Cuamm è presente dal 1958 e i volontari potranno offrire il loro servizio nell’area circostante l’ospedale di Aber, dove dal 2011 è attivo il progetto “Prima le mamme e i bambini”, per garantire il parto sicuro e l’assistenza nutrizionale a migliaia di bambini.
In Sierra Leone la destinazione sarà il distretto rurale di Pujehun: una delle prima aree di intervento di Medici con l’Africa Cuamm nel Paese, dove l’organizzazione è presente dal 2012 e dove tra il 2014 e il 2016 ha fronteggiato l’epidemia di Ebola, rendendo Pujehun il primo distretto Ebola-free.
Mozambico e Angola sono paesi in cui la lingua ufficiale è il portoghese, mentre nei primi due si parla Inglese, oltre alle lingue locali.

In Angola, Chiulo sarà la destinazione dei volontari: un ospedale rurale all’estremo Sud del Paese, in una zona semi-desertica al confine con la Namibia, dove spesso l’ospedale si trova a fare i conti con la siccità e le conseguenze che questa ha sulla salute dei bambini in termini di malnutrizione.
A Beira, in Mozambico, i volontari potranno invece conoscere una realtà urbana, lavorando con le attiviste sieropositive del gruppo “Kuplumussana” per sensibilizzare donne e adolescenti sul tema dell’HIV. Beira è la seconda città del Mozambico, ospita un’università di medicina sostenuta da Medici con l’Africa Cuamm e nel 2019 è stata fortemente danneggiata dal ciclone Idai. Medici con l’Africa Cuamm è direttamente coinvolto nella ricostruzione del reparto di neonatologia dell’ospedale cittadino.

G.A. (Agensir)

Articoli Correlati

Servizio Civile, l’incontro nazionale sarà online

Segno dei tempi. La consueta tappa iniziale del cammino, concomitante con la memoria di san Massimiliano di Tebessa, si svolgerà sulle piattaforme telematiche. Un’occasione, seppur a distanza, per ricordare i 20 anni dalla nascita del Servizio Civile

Servizio Civile, boom di candidature alla Giovanni XXIII

In tutto sono 882, di cui 495 per i progetti in Italia e 387 per i progetti Caschi Bianchi all’estero i giovani che tra dicembre 2020 e febbraio 2021 hanno scelto di candidarsi per l’esperienza di Servizio Civile a fronte di 339 posti disponibili.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.