Avvenire di Calabria

Prende il via domani l'atteso appuntamento che si concluderà domenica 7 luglio: parteciperà ai lavori anche la delegazione dell'arcidiocesi reggina

Settimana Sociale di Trieste al via, Reggio Calabria presente

Il tema scelto per la 50ª edizione è «Al cuore della democrazia. Partecipare tra storia e futuro». Obiettivo è andare oltre il confronto elaborando proposte concrete legate alla partecipazione attiva dei cittadini alla vita politica e sociale

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Fra un giorno inizia la tanto attesa 50ª Settimana Sociale dei Cattolici in Italia, che vedrà anche la diocesi di Reggio Calabria - Bova presente a Trieste dal 3 al 7 luglio.

Settimana Sociale di Trieste, al centro "democrazia" e "partecipazione"

La 50ª Settimana Sociale dei Cattolici, evento di grande rilevanza non solo per la comunità cattolica italiana, si focalizzerà sul tema “Al cuore della democrazia”. Promossa dalla Conferenza episcopale italiana, la Settimana Sociale mira a stimolare una riflessione profonda sulle nuove forme di partecipazione e sull’elaborazione di strumenti comuni per costruire e far crescere alleanze in un contesto di grandi trasformazioni sociali, politiche e culturali.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La società contemporanea è segnata da una crescente frammentazione sociale e da un individualismo pervasivo, ma al contempo mostra una vitalità diffusa.

Confronto su buone prassi e temi cruciali per il futuro dell'Italia

In questo scenario complesso, la Settimana Sociale intende affrontare temi cruciali per il futuro del Paese, come la promozione di un lavoro degno, la riduzione delle diseguaglianze e la custodia dell’ambiente. Secondo i vescovi italiani, il futuro del nostro Paese richiede un impegno collettivo e responsabile, che coinvolga tutti i cittadini, inclusi i cattolici di diverse provenienze, per rigenerare gli spazi di vita e rafforzare la capacità democratica.

La scelta di Trieste non è casuale

Trieste, città multiculturale e di frontiera, sarà la sede ideale per questo evento. La città, simbolo del percorso dell’Italia verso la libertà e la democrazia, accoglierà oltre mille tra delegati e partecipanti che si confronteranno su come rivitalizzare la partecipazione democratica.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, inaugurerà i lavori il 3 luglio, mentre papa Francesco concluderà l’evento con la celebrazione eucaristica e l’Angelus il 7 luglio.

Presente la delegazione dell'arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova

Alla Settimana sociale parteciperà attivamente anche la delegazione dell’arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova. A comporla ci saranno don Francesco Megale, vicario episcopale per la carità, i problemi sociali e il lavoro; Luciano Arillotta, direttore dell’ufficio di curia per la pastorale sociale e il lavoro; Carmine Gelonese, segretario della Consulta delle aggregazioni laicali, che presenterà il Cantiere Passione politica, Mariella Quattrone della Coop “Collina del Sole”, Magda Galati, responsabile della Scuola di Formazione Politica, e Monica Tripodi, responsabile regionale della Pastorale sociale e lavoro.

I "luoghi" di interesse e gli spazi si confronto della Settimana Sociale

Gli eventi principali della Settimana Sociale includeranno i “laboratori della partecipazione”, i “villaggi delle buone pratiche” e le “piazze della democrazia”. Nei laboratori, delegati di diocesi, associazioni e amministrazioni pubbliche discuteranno su come riattivare la partecipazione nei loro territori.


PER APPROFONDIRE: Partecipazione e democrazia, la Calabria si prepara alle Settimane sociali


Nei villaggi delle buone pratiche, oltre 100 stand esporranno iniziative di imprese sociali, cooperative, enti del terzo settore e comunità energetiche rinnovabili.

Le piazze della democrazia, ospitate nelle principali piazze storiche di Trieste, vedranno l’alternarsi di circa 50 relatori e testimoni che affronteranno temi vari, dalla cittadinanza attiva alla democrazia digitale.

Eventi culturali e testimonianze

Il programma culturale arricchirà ulteriormente l’evento. Le serate triestine saranno animate dai concerti dell’Orchestra dei giovani europei e dagli studenti del Conservatorio di Trieste con Zoè. Tra gli artisti presenti ci saranno Roberto Vecchioni, Riccardo Cocciante, Tiromancino e Simone Cristicchi. Anche il teatro avrà il suo spazio con opere di Paolo Logli e Giovanni Scifoni.


Adesso siamo anche suWhatsAppnon perdere i nostri aggiornamenti: VAI AL CANALE


Tra i testimoni, Paul Batthi, fratello di Shahbaz Bhatti, politico cristiano assassinato in Pakistan. Obiettivo della Settimana Sociale è andare oltre un semplice convegno. Le indicazioni di Mattarella e papa Francesco saranno fondamentali, ma sarà compito dei delegati attivare processi concreti di bene comune. Trieste, con la sua storia di sofferenza e speranza, diventerà un laboratorio di idee e progetti per un futuro più giusto e democratico.

Da sapere: che cos'è la Settimana Sociale dei Cattolici in Italia

La Settimana Sociale è un appuntamento periodico, in cui si incontrano i cattolici, attivi in Italia in tutti gli ambiti della società, per confrontare le loro esperienze, condividere le loro prospettive e coordinare le loro attività, lanciando azioni comuni e proposte di cambiamento per il futuro del Paese.

Le Settimane Sociali si tengono da più di 110 anni e quella del 2024 sarà la 50ª edizione, quindi un momento molto speciale che si svolgerà a Trieste, dal 3 al 7 luglio.

Che cosa avrà di particolare la 50ª Settimana Sociale

Il tema della 50ª Settimana Sociale è «Al cuore della democrazia. Partecipare tra storia e futuro». Il Comitato Scientifico e Organizzatore ha proposto di fermarsi a riflettere sullo stato di salute della nostra democrazia dal punto di vista della partecipazione attiva dei cittadini e di elaborare visioni e proposte concrete. Sarà speciale perché la partecipazione non è solo un tema di cui discutere, è anche e soprattutto un modo di lavorare insieme, sperimentando metodi coinvolgenti, che valorizzino la voce di tutti i partecipanti.

Articoli Correlati