Avvenire di Calabria

L'operazione "Anteo" ha interessato anche la provincia di Reggio Calabria

Smantellato traffico di droga tra Calabria, Lazio e Lombardia

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Trenta misure cautelari sono state eseguite oggi dai carabinieri nelle province di Catanzaro, Reggio Calabria, Vibo Valentia, Monza e Brianza e Roma, su richiesta della Procura della Repubblica Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. I soggetti sono gravemente indiziati dei reati di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, estorsione, tentata e consumata, anche con l'aggravante mafiosa, ricettazione, detenzione e porto abusivo di armi anche clandestine e da guerra, detenzione di materiali esplodenti e furto.

L'attività di indagine, denominata "Anteo", diretta dalla Procura distrettuale di Catanzaro e condotta dai carabinieri di Soverato, a partire dal marzo 2017 ha consentito di individuare una specifica organizzazione dedita al traffico di cocaina, hashish, marjuana, metadone ed eroina nel basso Ionio-catanzarese, con il suo centro nevralgico nell'entroterra dell'area del soveratese, in particolare nel comprensorio di Chiaravalle e comuni limitrofi e con proiezioni nelle province di Vibo Valentia e Reggio Calabria.

Le investigazioni hanno permesso di documentare anche il traffico di armi e di esplosivi che venivano approvvigionati, per la loro successiva immissione nel mercato illecito, prevalentemente attraverso la commissione di furti in abitazioni e in attività commerciali. Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati ingenti quantitativi di sostanze stupefacente, nonché numerose armi, sia lunghe che corte, di diverso calibro, anche da guerra, numerose munizioni, rilevanti quantitativi di esplosivo tipo tritolo, una bomba a mano.

Articoli Correlati

Irto

Irto stoppa la “conta” nel Pd: «Ripartire dai circoli»

Mattatore di voti, parafulmine per il centrosinistra. Due facce della stessa medaglia per Nicola Irto, ancora una volta unico eletto tra le fila del Pd reggino. E si tira fuori dai problemi comunali: «Rimpasto di giunta? Non so nulla»

Arruzzolo

Arruzzolo sogna il bis a Palazzo Campanella

Il maggiorente di Forza Italia è il primo degli eletti a Reggio. Ritorna in Consiglio regionale e spera di sedere nello scranno più alto. Sarà confermato? Adesso attende le scelte del governatore.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.