Avvenire di Calabria

Il progetto realizzato nell'ambito del progetto l'arte racconta avviato al "Sorrentino"

Al Museo diocesano, l’arte raccontata dai personaggi storici

L'iniziativa dà voce ad una selezione di trenta opere del patrimonio diocesano di Reggio-Bova

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È finalmente possibile visitare la Cattedrale e il Museo diocesano di Reggio Calabria in modo diverso. Lasciandosi affascinare dal racconto dei personaggi che, nel tempo e a vario titolo, ne hanno incrociato l’arte e la storia.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Finanziato dalla Regione Calabria (PAC 2014-2020 Azione 6.7.1 Annualità 2019 – Azione 2 Rafforzamento del sistema museale), il Progetto L’arte racconta dà ‘voce’ ad una selezione di trenta opere d’arte conservate nella Cattedrale, sia all’esterno (statua di San Paolo di Francesco Jerace, etc.) che all’interno (monumenti funebri cinque-seicenteschi, vetrate, dipinti, etc.), e nel Museo diocesano (dipinti, sculture, oreficerie sacre e tessuti liturgici)

Al Museo diocesano, prendono vita i personaggi storici

A ciascuna opera è associato un personaggio, scelto tra i protagonisti della storia del Cristianesimo (santi, personaggi biblici) e della Chiesa locale (vescovi, artisti). Personalità di spicco ma anche uomini e donne anonimi, scelti a rappresentare una categoria (la devota, il popolano, etc.); in un caso addirittura un elemento naturale (il fuoco). Per ciascun personaggio è stato registrato in studio un audio clip di alta qualità. A "prestare" la voce un attore professionista. Il personaggio racconta così in prima persona, con uno stile diretto e coinvolgente, la sua storia in relazione a specifici episodi storici della città e della Chiesa locale. Attraverso anche la drammatizzazioni di momenti chiave del passato; quali, ad esempio, la venuta di San Paolo a Reggio e il prodigio della colonna ardente, il terremoto del 1908 e così via.

Basterà scaricare l’App "L’arte racconta", disponibile gratuitamente negli store per Android e, a giorni, anche per IOS; inquadrare il QRcode esposto accanto all’opera e porsi in ascolto di una ‘telefonata’ davvero speciale.

L'itinerario: "L'Arte racconta"

Il Progetto L’Arte racconta persegue il fine della valorizzazione del patrimonio storico-artistico  dell’Arcidiocesi di Reggio Calabria, favorendone l’accessibilità; attraverso la fruizione gratuita degli audio clip possibile all’esterno del Museo diocesano (Cattedrale, sagrato e interno), intende suscitare l’attenzione di un pubblico nuovo e diverso dal tradizionale, interessato ad una narrazione inedita e accattivante che continui in Museo.

L’app e il sito L’arte racconta sono, per tali motivi, un nuovo straordinario strumento didattico a disposizione delle Scuole.

Il progetto è stato realizzato grazie all’apporto di diverse e qualificate figure professionali, parte delle quali già presenti tra gli enti partner che hanno collaborato alla sua realizzazione. Da Calabria Formazione, ad Officina dell’Arte, al Conservatorio di Musica “Francesco Cilea”.


PER APPROFONDIRE: Il Museo diocesano lancia la sua proposta didattica per il Natale


Al Progetto appena concluso hanno riconosciuto il loro patrocinio la Città Metropolitana di Reggio Calabria, il Comune di Reggio Calabria, il Ministero della Cultura (MIC). Ma anche il Segretariato regionale per i beni culturali e paesaggistici della Calabria MIC, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Reggio Calabria e Vibo MIC. Inoltre, l’Associazione Musei Ecclesiastici Italiani (AMEI).

Articoli Correlati

direttore svimez pnrr

Il direttore dello Svimez sul Pnrr al Sud: «Ridurre il divario di cittadinanza»

Il direttore dello Svimez, Luca Bianchi, ha analizzato tutte le opportunità per il Sud legate al Pnrr. «È possibile riaprire una stagione di investimenti che superi quella frammentazione degli interventi che ha caratterizzato questi decenni», ha dichiarato. E ancora: le mafie un serio rischio, i giovani sono la speranza. Scopri di più, leggi l’intervista.