Avvenire di Calabria

Nell'ambito del progetto "L'arte racconta"

Al Museo Sorrentino, riprendono i laboratori didattici

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Riprendono al Museo diocesano "Aurelio Sorrentino" di Reggio Calabria i consueti appuntamenti dedicati ai bambini: quattro laboratori didattici in programma, ideati per suggerire un divertente viaggio a tappe alla scoperta delle opere d’arte più interessanti e delle tante occasioni di gioco e creatività che esse suscitano.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


‘L’arte racconta’ sarà l’ideale filo conduttore che legherà le opere della Cattedrale e le statue del Rinascimento, i preziosi tessuti e gli antichi dipinti esposti in Museo. Faranno da guida Elio e Bacolo, le mascottes del Museo: due simpatici e colorati personaggi le cui storie nell’ultimo anno hanno fatto compagnia ai bambini attraverso la pagina Facebook del Museo ad essi dedicata.

Quattro date scelte per altrettanti laboratori rivolti ai bambini della Scuola Primaria: 17 giugno e 15 luglio h 10-12 e 1 luglio e 5 agosto h 17-19.


PER APPROFONDIRE: Al Museo Diocesano Sorrentino, presentato “Scopri Reggio”


Le attività si svolgeranno garantendo il rispetto delle disposizioni anti COVID.
La partecipazione è gratuita e la prenotazione obbligatoria contattando il n. 3387554386 (sarà possibile iscrivere i bambini all’intero ciclo di laboratori o, piuttosto, sceglierne uno o più).

I laboratori “L’arte racconta” sono parte del Progetto “L’arte racconta. Icone del Rinascimento: dal marmo al digitale”, finanziato dalla Regione Calabria (PAC 2014-2020 Azione 2 Rafforzamento del sistema museale – Annualità 2019).

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»