Avvenire di Calabria

Un'opera attesa da quasi vent'anni: gli operai hanno iniziato a lavorare questa mattina

Al via i lavori per il campo di calcio a San Sperato

Giuseppe Iero

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Questa mattina sono iniziati i lavori riguardanti la realizzazione del campo di calcio a 5 del quartiere di San Sperato, un’opera attesa dal territorio da quasi vent’anni.
Il progetto, ideato dall’amministrazione Italo Falcomatà era stato pensato all’interno dell’ abbattimento delle “Palazzine Minime” e la realizzazione delle nuove palazzine, per impreziosire l’area volgendo un pensiero importante allo sport e al sociale.
L’associazione Vivi San Sperato desidera esprimere profonda gratitudine e soddisfazione per l’operato del consigliere comunale Filippo Burrone, figlio del nostro territorio e sempre attento alle problematiche del nostro quartiere.
«Burrone si è distinto, in questi anni per attenzione e cura quotidiana del nostro territorio grazie alla sua disponibilità e dedizione, prova ne sono la consegna avvenuta in data odierna riguardante il campetto rionale, il rifacimento del manto stradale e - ne siamo certi – la prossima consegna dei lavori della scuola elementare, opera divenuta un vero e proprio miraggio negli anni. Il ringraziamento, non avviene per caso, anche perchè la nostra associazione evidenzia che tutte queste opere erano cadute nel dimenticatoio, nonostante la presenza di alti e altri rappresentanti politici, negli anni passati, attivi del nostro quartiere. Il campo di calcio a 5 è stato restituito, finalmente, nelle mani dei ragazzi e delle ragazze di San Sperato, i veri e legittimi proprietari di questo bene. Desideriamo, infine, ringraziare il primo cittadino, Giuseppe Falcomatà per essere riuscito ad inserire le nostre problematiche all’interno della sua agenda politica segno che il cuore pulsante della città di Reggio Calabria è e deve essere incentrato sullo sviluppo delle periferie».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.