Avvenire di Calabria

La denuncia del Garante per l'Infanzia della Regione Calabria

Anche i bambini nelle maglie della burocrazia

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Antonio Marziale * - La burocrazia è il nemico più strenuo dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, talvolta incomprensibile e ingiustificata. Ciò che bisogna pensare, quando si ha a che fare con problemi ed esigenze dei bambini è che dietro ad ogni pratica vi sono riposte attese in grado di cambiare l’esistenza dei più sfortunati per cause che vanno da malattie a forme molteplici di abuso e violenza a vere e proprie ingiustizia. I ritardi che sono costretto quotidianamente a registrare sono tanti, troppi, e hanno il sapore di angherie intollerabili. La priorità dovuta alle necessità dei bambini, contemplata in tutte le leggi a loro rivolte, non può e non deve rimanere mera dichiarazione d’intenti. Qualsiasi posticipazione a domani di ciò che può essere fatto oggi aggrava la situazione di piccole creature che attendono e sia chiaro che ciò è una gravissima responsabilità, talvolta anche giuridica oltre che morale. Per alcune risposte il mio ufficio è costretto ad aspettare anche mesi e ad essere penalizzati non siamo certamente noi, ma i bambini in attesa di risolvere i loro problemi

* Sociologo e Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.