Arghillà. Donne e uomini delle Istituzioni animatori dello sport – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Gli esempi del Garante per l'Infanzia e l'adolescenza, Vanni Campolo, e del pm antimafia, Stefano Musolino

Arghillà. Donne e uomini delle Istituzioni animatori dello sport

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel corso di “Strade, sport e colori”, l’iniziativa di animazione sportiva di strada, dedicata ai bambini e ai ragazzi di Arghillà, il Garante per l’infanzia e l’adolescenza del Comune di Reggio Calabria Giovanna Campolo, e l’Assessore alle Politiche sociali, Lucia Anita Nucera, hanno raggiunto il quartiere a nord della città per dedicare parte del loro tempo ai cittadini e dar seguito alle azioni di inclusione sociale già avviate con la collaborazione degli attori e dei comitati che operano sul territorio.

Presso lo sportello sociale del coordinamento di quartiere Arghillà, in una piazza Don Italo Calabrò completamente bonificata, il Garante e l’Assessore hanno incontrato i residenti e colto l’occasione per ascoltare le problematiche emerse e illustrare i servizi disponibili nel polo territoriale di zona.

“L’incontro diretto e la reciproca conoscenza tra cittadini e rappresentanti delle istituzioni – ha affermato Lucia Anita Nucera – sono strumenti primari per portare avanti il piano di coesione sociale prospettato dall’Amministrazione Falcomatà che intende restituire agli abitanti del quartiere, attraverso azioni mirate come la bonifica della zona e i cantieri per lo sport, spazi di condivisione e socializzazione per la rinascita del senso di appartenenza territoriale”.

“La prima esperienza in Alleanza educativa – ha dichiarato Giovanna Campolo - mi ha visto protagonista di qualche momento di gioco insieme ad un gruppo di giovani guidati dalle associazioni che operano nel territorio di Arghillà. Questa mia prima esperienza, a cui ne seguiranno altre, mi porta a pensare che è necessario governare gli aspetti positivi che questa parte di cittadini manifesta e combattere attraverso la flessibilità burocratica le anomalie da cui nascono le illegalità”.

Nei giorni successivi è stato presente anche il procuratore antimafia, Stefano Musolino, che ha dedicato un giorno delle proprie ferie estive ai ragazzi di Arghillà Nord, giocando assieme a loro e incontrando tanti cittadini che hanno avuto la possibilità di confrontarsi con lui sui temi di "ordinaria" illegalità che si percepiscono nel quartiere.

Articoli Correlati

Disoccupazione in Calabria, «situazione mortificante»

“È necessaria una presa di coscienza collettiva – afferma Lucia Anita Nucera – per un reale cambiamento rispetto a una tendenza che vede spesso l’immagine, la superficialità, l’impreparazione come modus operandi della politica”.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.