Avvenire di Calabria

Scarcerato per un "errore di calcolo", si era subito rifugiato a Madrid grazie ai consolidati rapporti coi narcos

Arrestato il “boss dei boss”, era latitante a Madrid

Condannato per omicidio, è considerato uno dei boss più potenti della 'ndrangheta egemone nell'area grecanica

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Arrestato il "boss dei boss", era latitante a Madrid. Si tratta di Domenico Paviglianiti, 60 anni, esponente di spicco della 'ndrangheta. Dall'area grecanica (San Lorenzo, Condofuri e Bagaladi), la sua attività criminale oscillava tra Lombardia e Sud America.

Arrestato il "boss dei boss", era latitante a Madrid

I carabinieri di Bologna e la polizia spagnola hanno arrestato Domenico Paviglianiti a Madrid. Il latitante di 'ndrangheta era famoso come "il boss dei boss". Un appellativo "guadagnato" tra gli anni Ottanta e Novanta.

Paviglianiti è destinatario di un provvedimento di esecuzione di pene concorrenti per 11 anni, 8 e 15 giorni, emesso il 21 gennaio dalla Procura di Bologna. È accusato di associazione a delinquere, omicidio e narcotraffico.


PER APPROFONDIRE | L'epopea della latitanza del super ricercato "Tamunga" (Leggi l'articolo)


Il "boss dei boss" era stato rimesso in libertà nell'ottobre 2019, sulla base di un erroneo calcolo della pena. Aveva lasciato lasciato l'Italia e si era rifugiato in Spagna.

Ha avuto un ruolo di prim'ordine, spiegano i carabinieri, nel corso della cosiddetta seconda guerra di mafia, quando insieme ad altre famiglie di 'Ndrangheta della provincia di Reggio Calabria aveva appoggiato la cosca De Stefano nella sanguinosa faida con i Condello.

Su Paviglianiti gravava un nuovo provvedimento emesso dalla procura felsinea. Si tratta di una misura nata da un ricorso in Cassazione promosso dalla stessa autorità giudiziaria. Il motivo? Un errore nel calcolo della pena che ha considerato al boss pluriomicida di tornare in libertà nell’ottobre del 2019.

In quell’occasione lo stesso aveva lasciato l’Italia e aveva trovato rifugio in Spagna approfittando di uno strutturato circuito relazionale in quel paese, consolidatosi attraverso gli illeciti traffici gestiti. L'uomo è stato arrestato a Madrid.

(Ansa)

Articoli Correlati

'Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

‘Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

La ‘ndrangheta si combatte attraverso un’azione pedagogica e liberante. La Chiesa calabrese in campo con nuove norme. Tra i provvedimenti proposti anche la nascita di Commissioni diocesane e sportelli di advocacy per quanti denunciano i clan.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.