Avvenire di Calabria

Nonostante l'impegno corale nell'affrontare con urgenza il caso si potrebbe decidere dopo la pausa

Arresto Caridi: slitta il voto in Giunta per le autorizzazioni

Necessario procrastinare la pronuncia dell'organismo parlamentare per le forti contrapposizioni

Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La "partita" sulla richiesta a procedere per l'arreso di Antonio Caridi, in seguito alle richieste della Dda di Reggio Calabria nel merito del quadri indiziario dell'operazione "Mammasantissima", si trasla sul piano politico. La Giunta per le autorizzazioni ha rinviato il voto ad oggi. Il presidente dell'organismo parlamentare, Dario Stefano (nella foto), ha preferito prendersi una nottata di riflessione dopo i presunti dissidi interni alla commissione. Parrebbe unanime la volontà di esprimersi dell'organismo, anche se il calendario dei lavori è molto fitto e c'è la possibilità che il caso giunga alle Camere solo dopo la pausa estiva. Lo stesso Caridi, nella giornata di ieri, ha presentato la propria memoria difensiva accusando la Procura di Reggio Calabria di aver costruito un castello accusatorio privo di fondamenti probatori. C'è divisione tra le forze politiche, quindi il destino di Caridi potrebbe decidersi a settembre.

Articoli Correlati

secondo tempo falcomatà

Un anno dopo. Partecipa alla nostra indagine su Falcomatà

Dieci domande ai cittadini per capire come i reggini analizzano l’attuale conduzione politico-amministrativa della Città. Il «secondo tempo» dell’amministrazione comunale, guidata da Giuseppe Falcomatà, è iniziato da più di un anno. Ma come sta andando?

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.