Avvenire di Calabria

Austria: mons. Scharl (ausiliare di Vienna), “grazie alla sua neutralità il Paese deve diventare luogo dove si fa la pace”

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


In occasione della messa solenne per la “Celebrazione dell’Austria” nel duomo di Santo Stefano, ieri sera a Vienna, davanti alle più alte cariche dello Stato, il vescovo ausiliare Franz Scharl, in qualità di celebrante principale del pontificale “Per la patria e la patria”, ha definito compito della Repubblica alpina “dare un contributo costruttivo tra le nazioni”: l’Austria è stata invitata a vivere attivamente la sua neutralità. Ciò significa soprattutto “diventare sempre più un luogo dove si fa la pace e dove sono possibili negoziati”, ha detto il vescovo ausiliare. Per essere un pacificatore è necessario, da un lato, un rifiuto fondamentale del commercio delle armi, ha sottolineato Scharl.

Importanti sono anche gli sforzi volti a portare avanti la tradizione pluridecennale di Vienna come sede di organizzazioni internazionali. Inoltre, di fronte alle sfide attuali, l’Austria deve dimostrarsi anche un “laboratorio per soluzioni rispettose delle persone e del creato”. Tutti i settori della società – sociale, ambientale, scientifico e artistico – devono partecipare, ma anche la Chiesa non dovrebbe essere esclusa: “non dobbiamo solo fare appello, ma dobbiamo noi stessi dare l’esempio e dare impulsi per ciò che vogliamo”, ha detto il vescovo.

Nella sua omelia, il vescovo ausiliare ha ricordato anche le origini della festa nazionale. Quando la sua nomina fu fissata nel 1965, tra le varie opzioni disponibili, l’attenzione si concentrò deliberatamente sulla neutralità perpetua nella Costituzione. Il duomo di Santo Stefano a Vienna è considerato un importante luogo simbolico per la tradizionale celebrazione austriaca della festa nazionale, poiché è considerata una chiesa nazionale, emblema della ricostruzione postbellica.

Fonte: Agensir

Articoli Correlati

Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE Fonte: Agensir

Papa Francesco: “Ancora non sto bene. Continuiamo a pregare per la Terra Santa”

“Ancora non sto bene e la voce non va tanto”. Papa Francesco, che ieri sera su consiglio dei medici ha annullato il viaggio a Dubai per la Cop28, ha iniziato con queste parole l’udienza di oggi in Aula Paolo VI, lasciando poi la lettura della catechesi a mons. Filippo Ciampanelli, della Segreteria di Stato, che […]

The post Papa Francesco: “Ancora non sto bene. Continuiamo a pregare per la Terra Santa” first appeared on AgenSIR.

Giustizia: Reynders (Commissione), “la strategia per rafforzare l’applicazione della Carta dei diritti fondamentali sta funzionando”

La relazione annuale sull’applicazione della Carta dei diritti fondamentali dell’Ue è stata pubblicata oggi dalla Commissione europea. I focus dell’analisi sono la tutela giuridica efficace e l’accesso alla giustizia, come prevede la strategia 2020. Nelle 44 pagine si passano in rassegna la legislazione europea e i recenti sviluppi nell’accesso alla giustizia; c’è anche la descrizione […]

The post Giustizia: Reynders (Commissione), “la strategia per rafforzare l’applicazione della Carta dei diritti fondamentali sta funzionando” first appeared on AgenSIR.

Tags: