Avvenire di Calabria

Sesto rapporto sugli amministratori che subiscono minacce e intimidazioni

Avviso Pubblico, sindaci calabresi i più sotto tiro dei clan

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Calabria nel 2016 è stata la regione più colpita dalle minacce ai sindaci. I casi censiti sono stati 87, il 70% in più rispetto al 2015. Segue la Sicilia, che é stata ai vertici della classifica nel 2014 e nel 2015, con 86 casi censiti. Al terzo e quarto posto la Campania (64) e la Puglia (51). Quinto posto per la Sardegna, con 42 casi registrati. A stilare la classifica “Avviso Pubblico”, che oggi ha presentato alla Luiss, a Roma, il sesto rapporto sugli “Amministratori sotto tiro”. Il 76% degli atti intimidatori agli amministratori locali si concentra nel Sud e nelle Isole. A livello provinciale il territorio più colpito è quello di Reggio Calabria, con 32 casi, seguito da Napoli (29), Cosenza (25), Salerno (21), Nuoro (18), Agrigento e Vibo Valentia (16).


Grasso: Nuova legge antimafia migliorerà gli strumenti.

"La legge è calendarizzata al Senato. Ho sempre auspicato un miglioramento di tutte le strutture e degli strumenti antimafia e nella legge ci sono tanti aspetti positivi. Sono sicuro che in questa legislatura si concluderà e c'è anche una volontà, soprattutto della maggioranza, di portarla a compimento. Eventuali contrasti sono un problema politico, di rapporti tra partiti". Lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso parlando con i giornalisti a Lamezia Terme a proposito della nuova legge antimafia

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.