Avvenire di Calabria

I ragazzi della parrocchia di San Pietro Apostolo concludono il Grest

Brancaleone, un’estate all’insegna della crescita

La storia di “Espera” metafora di vita per 105 bambini

Giulio Lugarà

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono stati dieci giorni di sano divertimento, educazione e formazione quelli vissuti tra il 14 e il 23 luglio dagli animatori, educatori e dai bambini e ragazzi del centro estivo della parrocchia S. Pietro Apostolo di Brancaleone. Un centro estivo che ha avuto come cornice narrativa la storia di "Espera: un desiderio per il domani". I trentacinque animatori ed educatori, guidati da Padre Angelo Battaglia, si sono adoperati per la realizzazione della bellissima scenografia per rendere ancora più bella e attraente la storia. I centocinque bambini e ragazzi, presenti nei giorni di luglio in parrocchia, si sono appassionati alle vicende di Nadia e Luca, due giovani fratelli in vacanza con i genitori in Messico.

I due giovani protagonisti, dopo essersi persi nel bosco si imbattono in Atlacoya, una giovane ragazza che li ospita nel villaggio di Espera. Qui inizia l'avventura di Nadia e Luca che dovranno liberare gli abitanti del villaggio dalla terribile maledizione del tiranno Montezuma che li ha condannati a non avere più desideri. Una storia coinvolgente alla quale ha fatto da sfondo il tema del DESIDERARE, che ha permesso ai bambini e ai ragazzi presenti al grest di apprezzare sempre di più la bellezza degli insegnamenti del Vangelo. Una storia, questa di "Espera", che ha voluto insegnare ai giovanissimi a non lasciarsi ingannare dalle apparenze ma a conoscere meglio i propri compagni. Un invito, quindi, ad usare la creatività e la pazienza per il bene di tutti abbandonando il vivere quotidiano fatto di selfie, emoticon e cellulari. Comprendere, pian piano, il significato della parola DESIDERIO è fondamentale per imparare a DESIDERARE INSIEME per il bene comune.

La storia, i balli, gli inni delle squadre, la condivisione della merenda, i laboratori e i giochi sono stati utilissimi per insegnare ai più piccoli l'importanza dell'attenzione, dell'accoglienza, dell'amore verso il prossimo e del servizio attraverso i quali può riconoscersi una comunità cristiana. Un grest animato dalla gioia e dal divertimento durante il quale i giovanissimi partecipanti hanno potuto trascorrere momenti di gioco, spensieratezza e allegria ma anche di creatività, responsabilità e impegno. È da ciò, quindi, che può dedursi la grande importanza dei centri estivi, momenti di formazione, educazione e crescita individuale e collettiva, umana e spirituale. Esperienze attraverso le quali i bambini e i ragazzi imparano, divertendosi, a volersi bene.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.