Avvenire di Calabria

Inserito nell’attuale Cammino sinodale Il 17 e 18 settembre Briatico ospiterà un momento di confronto

Briatico, un raduno per riscoprire il bello di sentirsi in famiglia

Partendo dall’ascolto della Parola l’evento si propone come occasione per condividere esperienze di vita

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Inserito nell’attuale Cammino sinodale Il 17 e 18 settembre Briatico ospiterà un momento di confronto e preghiera aperto a tutte le famiglie del vibonese. Partendo dall’ascolto della Parola l’evento si propone come occasione per condividere esperienze di vita ma anche di riflessione e proposta. Già a giugno l’incontro con il vescovo Nostro in vista della Giornata mondiale di Roma.

Una Pastorale per la famiglia, raduno a Briatico

È tutto pronto per il Campo Famiglie organizzato dall’Ufficio Famiglia della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea. Un’occasione per riscoprire, attraverso la Parola, il vero significato del «sentirsi famiglia».


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Riscoprire la Bibbia nei suoi contenuti e nel suo utilizzo come «guida sicura del nostro cammino», spiegano dall’Ufficio Famiglia della diocesi vibonese è la finalità dell’appuntamento che si terrà il prossimo fine settimana. Il motto scelto non è casuale: «Verso una Chiesa più familiare: la riscoperta della Parola» che ben riprende i temi legati all’attuale tempo vissuto dalla Chiesa, all’insegna della sinodalità. Il campo famiglia, appuntamento ormai tradizionale della diocesi vibonese, si svolgerà a Briatico, presso la struttura “Baia delle Sirene”.

Sarà aperto da un momento di accoglienza a partire dalle 8 del mattino, il 17 settembre, per poi concludersi il giorno dopo (18 settembre) alle 19. Diversi i momenti di incontro, riflessione e preghiera previsti, l’appuntamento sarà occasione per condividere, insieme alle famiglie che vi prenderanno parte, esperienze di vita vissuta mettendo in evidenza la necessità di riscoprire la bellezza della Parola, come pane quotidiano che orienta e alimenta la vita di ogni famiglia.

L’evento, inserito all’interno dell’attuale cammino sinodale, si pone anche in continuità con il decimo Incontro mondiale delle famiglie che si è celebrato a Roma e in tutte le diocesi del mondo, lo scorso mese di giugno. In vista di quell’appuntamento, già le famiglie della diocesi vibonese avevano vissuto un altro momento di confronto, ad inizio estate, in occasione dell’incontro con il vescovo, monsignor Attilio Nostro.


PER APPROFONDIRE: Cassano, Savino ai giovani: «Senza famiglia non c’è domani»


Un incontro che si è rivelato una preziosa esperienza di partecipazione e comunione ma, allo stesso tempo, luogo fecondo di numerose proposte per vivere meglio e più pienamente l’essere famiglia nella Chiesa di oggi. Di fronte a circa novanta famiglie, per un totale di oltre duecentoquaranta partecipanti, la giornata aveva messo al centro testimonianze diverse di coppie di sposi che hanno raccontato la loro vita.

Nella stessa circostanza, il vescovo di Mileto - Nicotera - Tropea, si era soffermato sull’importanza della relazione: «indispensabile - a detta del presule - sia nella famiglia che nella Chiesa perché entrambe hanno come fulcro la Trinità che è la relazione per eccellenza».

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»