Avvenire di Calabria

Gli interventi mirati anche al ripristino della condizioni di legalità e vivibilità dell'area

Campagna vaccini, alla tendopoli di San Ferdinando si raccolgono adesioni

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Campagna vaccini, alla tendopoli di San Ferdinando si raccolgono adesioni. La Prefettura di Reggio Calabria ha previsto una serie di interventi mirati a rendere più vivibile l'area.

Rimossi i rifiuti

Il Comune di San Ferdinando si è occupato della rimozione di considerevoli quantitativi di rifiuti solidi urbani indifferenziati, sia all’interno che nelle immediate adiacenze della Tendopoli. 

Il censimento per la campagna vaccini                          

Le Forze dell’Ordine si sono occupate di censire le attuali presenze e valutare le posizioni giuridiche dei cittadini extracomunitari dimoranti presso la Tendopoli di San Ferdinando. Hanno anche raccolto le adesioni di coloro che, in maniera spontanea, hanno manifestato la volontà di sottoporsi alla somministrazione del vaccino anti Covid-19.

I controlli nella Tendopoli

Nell’ambito di tale servizio, sono state impiegate circa 250 unità appartenenti alla Polizia di Stato, all’Arma dei Carabinieri, alla Guardia di Finanza e alla Polizia Metropolitana. Tra questi era presente anche personale della Digos, dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Reggio Calabria e del Gabinetto Regionale della Polizia Scientifica per la Calabria di Reggio Calabria. Nell’area delle Tendopoli ha, inoltre, operato personale dell’Ufficio Tecnico del Comune di San Ferdinando, della Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco, dell’ASP di Reggio Calabria e di varie associazioni benefiche. Al termine dei lavori, sono stati censiti all’interno della Tendopoli 208 dimoranti, di cui 112 hanno espresso parere favorevole alla vaccinazione anti Covid-19.

Articoli Correlati

Operazione Rasoterra contro lo sfruttamento dei braccianti

È stata condotta dalla Polizia di Stato coordinata dalla Procura della Repubblica di Pami. fatta luce su alcune vicende di grave sfruttamento lavorativo nelle campagne della Piana di Gioia Tauro di numerosi migranti di origine subsahariana

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.