Avvenire di Calabria

Caritas, gemellaggio Reggio – Palestina

L’iniziativa consiste nel creare una sensibilità, un ponte tra l’Italia, e le origini della fede palestinese

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Parlare oggi di Palestina è un tabù. Si rischia di cadere nella politica internazionale, di non essere perfettamente diplomatici, di schierarsi con i musulmani o ancora peggio con i terroristi.
La Caritas italiana ha ascoltato il grido di aiuto giunto dalle comunità cristiane residenti in Palestina e sta cercando di coinvolgere le Caritas diocesane per creare un canale umanitario strutturato in gemellaggio/pellegrinaggio tra diocesi e parrocchie gravitanti intorno a Gerusalemme, Betlemme, Ramallah ed Efraim.
Alcune diocesi, tra le quali quella di Reggio – Bova, hanno aderito alla proposta cercando di capire cosa si cela dietro ai bisogni dei popoli palestinesi.
Una delegazione guidata dal direttore don Antonino Pangallo, arrivata a Tel Aviv e subito successivamente a Betlemme, è stata ospitata da un convento di suore carmelitane di antica fondazione e ha sostato alcuni giorni in terra santa.
Con prudenza sono stati attraversati muri di cemento armato, torrette di controllo, fili spinati e diversi checkpoint presidiati da truppe israeliane. Fa un po’ impressione tutto ciò, ma la protezione delle guide è stata avvertita sin dai primi istanti.
I problemi, però, svaniscono davanti alla conoscenza sempre più diretta e personale delle piccole comunità cristiane, dei loro pastori, dei laici impegnati, delle famiglie preoccupate di conservare e trasmettere il tesoro che hanno ricevuto come eredità da Gesù e da suoi apostoli.
In questo consiste, dunque, l’iniziativa della Caritas italiana: creare una sensibilità, un ponte tra l’Italia, e le origini della fede palestinese. La preoccupazione dei papi lungo la storia e di tante congregazioni religiose di custodire le origini, è chiara se si contemplano i luoghi vivi della memoria di Cristo e dei Vangeli.
E questa eredità è pietra viva parlante e toccante.
I gemellaggi/pellegrinaggi divengono allora un’occasione per nutrire e custodire le radici, ma anche per un proficuo e profondo rinnovamento della fede cristiana talvolta intrisa di abitudini e stanchezze.
Guardando i popoli palestinesi che tra tante difficoltà trovano nella fede la forza per affrontare e superare le fatiche quotidiane, ogni cristiano può attingere speranza da Cristo crocifisso per sentirsi veramente fratello del vicino, come del lontano.
Allora, può crescere quella consapevolezza interiore che sempre più – alla luce dell’incarnazione – invoca il Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, l’unico Dio che abbraccia tutti in un’unica famiglia.

Articoli Correlati

8xmille, a Reggio Calabria una firma che alimenta la speranza

C’è una risposta di prossimità nel territorio di Reggio Calabria che cammina sulle gambe della solidarietà, lontana da ogni forma di finanziamento pubblico da parte degli enti locali, è alimentata grazie alla firma dell’8xmille alla Chiesa Cattolica.

Tags: