Avvenire di Calabria

Nominato vescovo nel 2008 è giunto in riva allo Stretto dopo essere stato alla guida della diocesi di Locri - Gerace per cinque anni

Chiesa reggina, oggi è il compleanno di monsignor Fiorini Morosini

Il presule paolano è stato pastore della diocesi di Reggio Calabria - Bova dal 2013 al 2021

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Chiesa reggina festeggia oggi il compleanno dell'arcivescovo emerito, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini.

Il presule paolano compie, oggi, 78 anni. Monsignor Giuseppe Fiorini Morosini è nato a Paola il 27 novembre 1945, a dieci anni è entrato nella Scuola Apostolica dei padri minimi del Santuario di Paola per gli studi ginnasiali e liceali. Nel 1961 ha emesso i voti temporanei nell’Ordine dei Minimi e, successivamente, l’8 dicembre 1966 quelli solenni. È stato ordinato, invece, sacerdote il 2 agosto 1969.



Per due mandati, dal 1994 al 2006, è stato Correttore generale dei minimi. Sono numerose, in questo periodo, le sue pubblicazioni riguardanti la figura di San Francesco di Paola e la spiritualità dell’Ordine dei Minimi.

Gli anni da vescovo: Locri e Reggio

Monsignor Giuseppe Fiorini Morosini riceve la nomina a Vescovo di Locri-Gerace il 20 marzo del 2008, succedendo così a monsignor Giancarlo Maria Bregantini. Ha ricevuto la consacrazione episcopale a Paola il 9 maggio 2008 dal cardinale Renato Raffaele Martino. Il 13 luglio 2013 è stato, invece, nominato Arcivescovo Metropolita di Reggio Calabria – Bova da Papa Francesco, facendo il suo ingresso nella città dello stretto il 9 settembre 2013. Ha concluso il suo ministero episcopale proprio quest'anno, per raggiunti limiti di età.


PER APPROFONDIRE: Monsignor Fiorini Morosini celebra 54 anni di sacerdozio


Degli otto anni alla guida della diocesi reggina, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini avevq raccontato ad Avvenire di Calabria: «porto con me l'affetto di molti ed una maggiore consapevolezza nei confronti della fede da parte dei laici».

Articoli Correlati

Cutro, sacrificio inutile? Un anno di indifferenza

Oggi è il primo anniversario del naufragio, costato la vita a 94 persone (altre venti risultano ancora disperse) che speravano di trovare un futuro migliore in Italia ed in Europa. Cosa è cambiato?