Avvenire di Calabria

Assegnati due appartamenti confiscati alla criminalità organizzata

Consegnati gli ultimi due alloggi agli occupanti della Polveriera

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Comune ha assegnato due alloggi anche agli ultimi occupanti delle baracche della Polveriera. Si chiude, quindi, una partita decennale che, secondo l'assessore al Patrimonio edilizio, Rocco Albanese, "riconsegna, soprattutto, dignità alle persone ancor prima che ai luoghi".

"Il nucleo familiare composto da 12 persone - ha spiegato il delegato della giunta Falcomatà - ha ricevuto ieri le chiavi di due appartamenti confiscati alla criminalità organizzata. Anche per questo, durante la consegna, erano presenti, oltre al dirigente facente funzioni del settore Claudio Cardona,  la consigliera delegata ai Beni confiscati, Deborah Novarro, la funzionaria del settore Marilena Caridi ed il responsabile tecnico Giovanni Rombo che, giorno e notte, hanno lavorato per raggiungere questo risultato storico. Allo stesso modo, preziosissimo è stato il contributo del Dirigente al settore Manutenzioni, Demetrio Beatino, al quale va il mio più sentito ringraziamento per l'attività svolta".

"A mia memoria  - ha aggiunto Albanese - è dal 1989 che ogni amministrazione comunale che si è succeduta ha avuto a cuore l'idea di sgomberare definitivamente il ghetto della Polveriera. Il sindaco Giuseppe Falcomatà c'è riuscito ed è un grande merito che va ascritto alla sua compagine di Governo".

"Adesso - ha proseguito - quando anche l'ultima delle tre famiglie rimaste lascerà l'area, considerata l'intimazione di abbandonare la baracca entro i prossimi 5 giorni trovando sistemazione nell'alloggio regolarmente assegnatole, l'intero suolo potrà tornare nella completa disponibilità del Demanio Militare. Proprio il Ministero della Difesa ed il Dicastero dell'Interno, nella zona dell'ex Polveriera, hanno previsto cospicui investimenti che doteranno il quartiere di una nuova Caserma e di ulteriori strutture civili e militari fondamentali per stravolgere in meglio la qualità della vita di una porzione molto importante del territorio cittadino".

"Siamo contentissimi - ha concluso l'assessore Albanese - per aver rispettato gli impegni e per aver raggiunto un traguardo decisivo per il vivere civile e la dignità delle persone. Da oggi, una famiglia numerosa avrà un luogo sicuro ed accogliente dove far crescere i propri figli. Penso che un amministratore non possa ambire ad una soddisfazione maggiore del migliorare l'esistenza dei propri concittadini".

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.